menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"E' morto corso Garibaldi, i funerali avranno luogo ogni giorno"

I commercianti protestano contro l'eliminazione degli stalli per i parcheggi esponendo dei manifesti funebri all'esterno dei rispettivi negozi.

BRINDISI – I commercianti annunciano il decesso di corso Garibaldi, con tanto di manifesto funebre esposto all’esterno dei rispettivi negozi. Con questa provocatoria iniziativa gli esercenti hanno espresso la loro netta contrarietà rispetto all’ordinanza che in via sperimentale, fino al prossimo 31 gennaio, prevede la cancellazione di tutti i posti auto, il transito di un pulmino su corsia preferenziale e il transito delle auto senza limitazioni.

“Per una decisione della sua amministrazione comunale – si legge sui manifesti funebri – è venuto a mancare improvvisamente durante le festività natalizie corso Garibaldi. Ne danno il triste annuncio i commercianti di quella via che nulla ha potuto fare per ostacolare l’accaduto in quanto nessuno del comune di Brindisi mai li aveva coinvolti”.

IMG_1186-2

“I funerali – si legge ancora nel necrologio – avranno luogo ogni giorno, si spera nelle visite soprattutto dei consumatori nonostante anche loro non siano stati avvisati delle decisioni assunte”. I negozianti contestano insomma all’amministrazione comunale di aver modificato la viabilità senza averli coinvolti. “Da un giorno all’altro – si lamentano – sono stati cancellati gli stalli per i parcheggi”.

Il malcontento dei commercianti è stato raccolto da consiglieri comunali sia della maggioranza che dell’opposizione. “Avviare una sperimentazione di nuova viabilità su Corso Garibaldi – ha dichiarato Mauro D’Attis (Forza Italia) - cancellando praticamente in un giorno decine e decine di parcheggi, senza aver preavvisato alcuno mi sembra un azzardo senza precedenti, considerato che tale esperimento poteva essere avviato tranquillamente dopo le festività natalizie”.

Dello stesso tenore è stata la presa di posizione dei consiglieri di maggioranza Pasquale Luperti (Coerenti per Brindisi) e Luciano Loiacono (Democratici per Brindisi). “Una manovra di questo tipo – ha affermato Luperti - non andava portata a termine a pochi giorni dal Natale: non c’è stato il tempo per comunicare il nuovo assetto, di conseguenza ci sono disagi”. 

La risposta dell'assessore al Traffico e parcheggio, Gianpiero Campo - “Sono dispiaciuto e amareggiato per la decisione di alcuni commercianti del centro di Brindisi di affiggere manifesti funebri per quella che definiscono la ’morte di corso Garibaldi”.

“Nel febbraio 2015 l’Amministrazione comunale strinse un patto con i commercianti di corso Garibaldi, specificando che la decisione di crearvi 38 posteggi era temporanea e legata alla chiusura del parcheggio di via Del Mare per i noti lavori di restyling”, spiega Campo. “I commercianti, dunque, sapevano bene che i parcheggi lungo il corso sarebbero stati eliminati anche perché di fatto erano divenuti una sorta di posteggio privato per gli stessi negozianti e non a uso dei cittadini".

“La nostra Amministrazione non solo ha ripristinato la situazione originaria, così come sottoscritto in quel patto tra Comune e Gianpiero Campo-2commercianti, ma ha creato una navetta gratuita che collega rapidamente (e gratis) i parcheggi-satellite (anch’essi gratuiti) di via Spalato e via del Mare”, aggiunge l’assessore al Traffico".

“E devo dire che la scelta ha raccolto grandi consensi tra i cittadini e anche tra molti commercianti, visto che una parte di questi ha addirittura concentrato la pubblicizzazione dell’orario continuato nelle giornate del 23e 24 dicembre con la possibilità di parcheggiare e utilizzare la navetta gratis”.

“Questa Amministrazione ritiene che, nel percorso di crescita di Brindisi e di adeguamento alle città più moderne e organizzate, la creazione di parcheggi-satellite che liberino il centro dal traffico - così come avvenuto in questi giorni - sia fondamentale. Relativamente alla decisione di attuare il piano già nel periodo natalizio, essa è stata presa proprio con l’obiettivo di offrire ulteriori possibilità ai commercianti del Centro che, anche per la scarsa disponibilità di parcheggi e del traffico, sono  penalizzati a vantaggio dei centri commerciali. Il servizio-navetta è stato pensato per portare gli acquirenti dall’auto sino all’ingresso dei loro negozi".

“Quanto alle polemiche, siamo convinti che qualsiasi momento avessimo scelto per proporre questi cambiamenti sarebbe stato ugualmente criticato da chi non è contento a prescindere. E se avessimo iniziato con la navetta dal 2 gennaio - conclude Campo - ci saremmo sicuramente trovati appiccicati manifesti funebri che annunciavano la morte dei saldi invernali”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Pareti "scorticate" a causa dell’umidità: "Ecco come viviamo e nessuno interviene"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento