Manifesto funebre per Taranto

TARANTO - Un corteo per celebrare il "funerale di Taranto". Lo sta organizzando per lunedì prossimo 10 dicembre il comitato "Cittadini e lavoratori liberi e pensanti" che protesta contro il decreto legge sull'Ilva. Il corteo 'funebre' partirà da piazza Castello e giungerà a palazzo di città "per un commosso saluto. Non fiori – chiedono gli organizzatori - ma tanta partecipazione".

Il manifesto funebre per Taranto

TARANTO - Un corteo per celebrare il "funerale di Taranto". Lo sta organizzando per lunedì prossimo 10 dicembre il comitato "Cittadini e lavoratori liberi e pensanti" che protesta contro il decreto legge sull'Ilva. Il corteo 'funebre' partirà da piazza Castello e giungerà a palazzo di città "per un commosso saluto. Non fiori – chiedono gli organizzatori - ma tanta partecipazione".

"Stiamo organizzando il funerale di Taranto. - fanno sapere gli organizzatori del 'funerale' - . Vedrete comparire manifesti funebri in città e saranno inviati telegrammi di invito formale ai rappresentanti delle istituzioni. Richiediamo la vostra partecipazione. Il giorno 3 dicembre 2012, dopo lunga e penosa malattia, colpita a morte dal decreto 'Salva Ilva' si è spenta la città di Taranto”.

“Ne danno il triste annuncio la Costituzione Italiana, la Salute, il Diritto alla Vita che, affranti, si uniscono al dolore dei bambini, delle madri, dei mitilicoltori, degli operai, degli allevatori, dei disoccupati e dei cittadini tutti. Il corteo funebre partirà lunedì 10 dicembre alle ore 15,30 da Piazza Castello e giungerà a Palazzo di Città per un commosso saluto. Non fiori ma tanta partecipazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Loro stanno dalla parte del giudice Patrizia Todisco che ha sequestrato gli impianti dello stabilimento siderurgico e bloccato i prodotti finiti e non. Loro sono contro il governo che invece la settimana scorsa non ha dato seguito alla decisione della magistratura ed ha emanato il "Decreto Salva Ilva" facendo ripartire l'acciaieria del Gruppo Riva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova vita per le auto rubate: arrestate dodici persone

  • Hai un geco in casa e vuoi liberartene? Ecco le soluzioni

  • Altri sei contagi e due morti nel Brindisino. Dati in calo nel resto della Puglia

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

  • Movida blindata a Brindisi: le forze dell'ordine sciolgono gli assembramenti

  • Agguato al rione Sant'Elia: giovane automobilista ferito alla gamba

Torna su
BrindisiReport è in caricamento