Marijuana e hascisc nascosti dietro al microonde: un arresto

Si tratta di un 45enne di Mesagne domiciliato a Tuturano: nel dettaglio c'erano 306 grammi di marijuana e un grammo di hashish

MESAGNE - I carabinieri della stazione di Mesagne, nell'ambito di un'attività di contrasto al traffico di stupefacenti, hanno arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, un 45enne di Mesagne, domiciliato a Tuturano Davide Stranieri.

Nel corso di una perquisizione domiciliare, in cucina, dietro al forno a microonde, in due contenitori di vetro, hanno trovato e sequestrato 306 grammi di marijuana, un grammo di hashish, un bilancino di precisione e vario materiale per la lavorazione e il confezionamento dello stupefacente. Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, dopo le formalità di rito, il 45enne è stato posto agli arresti domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Maltempo nel Brindisino: danni e allagamenti, intervengono i vigili del fuoco

  • Incidente in campagna: padre con la motozappa travolge il figlio

  • Prima svolta, indagato il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Scu, estorsioni nelle campagne: “Un euro per ogni quintale di grano prodotto”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento