menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arrestato prima per 16 chili di droga, poi per la pistola: scarcerato dal Riesame

Il Tribunale di Lecce annulla l’ordinanza per Donato Mondatore, 29 anni, di Brindisi

BRINDISI – Arrestato due volte in sei mesi, prima perché trovato in possesso di 16 chili di marijuana, poi per detenzione di una pistola, è stato scarcerato dal Tribunale del Riesame: i giudici hanno annullato l’ordinanza di custodia in cella, restituendo la libertà a Donato Mondatore, 29 anni, di Brindisi, per il quale resta l’obbligo di dimora.

Il Riesame

MONDATORE Donato Classe 1990-2-2-2La pronuncia del Tribunale, in funzione di Riesame, è arrivata nella serata di ieri, in accoglimento dei motivi d’appello presentati e discussi dagli avvocati Francesco Monopoli e Tommaso Marrazza del foro di Brindisi, difensori di Mondatore (nella foto accanto).

I penalisti hanno sottolineato la mancata sussistenza del  pericolo di fuga contestato nel provvedimento di custodia dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Brindisi. I legali hanno messo in evidenza che Mondatore non ha mai violato le prescrizioni legate agli arresti domiciliari, dopo la scoperta della droga, avvenuta il 20 luglio 2017. Finì prima in carcere e all’esito dell’udienza di convalida, gli furono concessi i domiciliari essendo un incensurato.

L’arresto per droga e il patteggiamento

Quel giorno venne tratto in arresto dagli agenti della Polizia stradale di Brindisi, in flagranza di reato, perché sorpreso alla guida di un furgone con 16.131 grammi di marijuana nascosti tra balle di fieno. Per quell’episodio, dopo la richiesta di processo immediato avanzato dal pubblico ministero, Mondatore nel frattempo ha ottenuto il patteggiamento della pena e ha chiuso il conto con la giustizia a due anni e otto mesi di reclusione, più 11.556 euro di multa. Pena concordata tra difesa e pm e ritenuta congrua dal gip.

Il 14 dicembre 2018, trascorsi cinque mesi ai domiciliari, il gip tenuto conto della buona condotta e dell’opportunità di intraprendere attività lavorativa, sostituì la misura restrittiva con quella dell’obbligo di dimora, con divieto di allontanamento dalla propria abitazione dalle 20 alle 7.

La pistola

francesco monopoli-3Il 14 gennaio scorso, i carabinieri di Tuturano effettuarono una perquisizione all’interno di un vecchio capannone, ritenuto in uso a Mondatore e qui trovarono una pistola marca Walther calibro 6,35, munita di caricatore, inserito, contenente cinque cartucce dello stesso calibro.  Nella foto al lato l'avvocato Francesco Monopoli

Da qui il ritorno ai domiciliari e il giudice, dopo aver convalidato questo arresto, dispose la scarcerazione tenuto conto dello stato di incensuratezza del brindisino e della probabile concessione del beneficio condizionale della pena, in caso di condanna.  

Tre giorni, un altro gip  del Tribunale di Brindisi, competente per il procedimento scaturito dall’arresto per droga, ha sostituito la misura dell’obbligo di dimora con la misura della custodia in carcere, appellata dalla difesa dinanzi al Riesame che ha annullato l’ordinanza, disponendo la scarcerazione di Mondatore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento