rotate-mobile
Cronaca

Marjiuana nello zaino e nella cappa della cucina: un arresto e una denuncia

Ai domiciliari Antonio Mazzotta, 33 anni, di Tuturano. A Cellino denunciato per droga Gianmarco Caldiron, 37 anni

BRINDISI - Controlli antidroga dei carabinieri  fra Tuturano e Cellino San Marco, conclusi con un arresto dopo il ritrovamento di marjiuana nello zaino e una denuncia.

Tuturano

MAZZOTTA Antonio, classe 1985-2I carabinieri della Stazione di Tuturano, con il supporto dell'unità del Nucleo cinofili  di Modugno  hanno tratto in arresto, in flagranza di reato con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, Antonio Mazzotta, 33enne del luogo. L'uomo, nel corso della perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di due involucri in cellophane, contenenti rispettivamente 16 grammi  e uno di sostanza stupefacente tipo marijuana, tre bilancini con display digitale, nonché vario materiale per il confezionamento dello stupefacente, tutto occultato all'interno di uno zaino ricoperto da masserizie e collocato in uno stanzone con funzioni di deposito. La droga è stata sottoposta a sequestro e su disposizione dell'autorità giudiziaria, dopo le formalità di rito, l'arrestato è stato condotto presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari.

Cellino San Marco

A Cellino San Marco, i militari hanno deferito in stato di libertà, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, Gianmarco Caldiron, 37enne:  è stato trovato in possesso di un involucro in cellophane contenente 1,93 gr. di marijuana e 4,4 gr. di hashish, suddivisi in dosi, il tutto sottoposto a sequestro. Gli involucri  grazie al fiuto dell'unità cinofila sono stati rinvenuti nel foro di areazione inferiore della cucina, occultati dalla griglia di copertura.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marjiuana nello zaino e nella cappa della cucina: un arresto e una denuncia

BrindisiReport è in caricamento