Cronaca Torre Santa Susanna

Violenza al parco: massacrato di botte per aver rimproverato giovani in moto

Scorrazzano con gli scooter nella villa comunale e quando un uomo li invita a moderare la velocità e a essere prudenti per la presenza di bambini lo picchiano a sangue, tanto da rompergli il setto nasale

TORRE SANTA SUSANNA – Scorrazzano con gli scooter nella villa comunale e quando un uomo li invita a moderare la velocità e a essere prudenti per la presenza di bambini lo picchiano a sangue, tanto da rompergli il setto nasale. Si sono vissute scene di violenza inaudita nella serata di ieri a Torre Santa Susanna, protagonisti di questa aggressione tre giovanissimi: un 18enne, un 18enne e un 16enne. Sono stati identificati nel giro di pochissime ore dai carabinieri: i maggiorenni arrestati, il minorenne affidato ai genitori.

La vittima, un 52enne del posto, è finita in ospedale con lesioni guaribili in 35 giorni. Colpevole solo di aver rimproverato la banda di motociclisti perché stava mettendo in pericolo l’incolumità dei frequentatori della piazza, specie dei bambini. I fatti si sono verificati nela serata di ieri, giovedì 14 luglio. Ad aggredirlo sarebbero stati in 5 o 6 ma solo 3 sono stati individuati, grazie alle telecamere e alla collaborazione di alcune persone che hanno assistito ai fatti, oltre che della vittima. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, coordinati dal capirano della locale stazione, coordinati dal capitano della compagnia di Francavilla Fontana, inizialmente la banda di scalmanati, subito dopo i rimproveri si è dileguata per poi tornare pochi minuti dopo a picchiare chi li aveva ammoniti. Hanno massacrato la loro vittima, riempendola di pugni e calci tanto da spaccargli il setto nasale. Per i due arrestati sono stati disposti i domiciliari. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenza al parco: massacrato di botte per aver rimproverato giovani in moto

BrindisiReport è in caricamento