menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il grande giorno di Flavia, nell'antica cattedrale della Città Bianca

Un maestrale teso batte la costa e anche la collina del centro storico di Ostuni. In cima c'è la cattedrale della Città Bianca, scelta da Flavia Pennetta e Fabio Fognini per il loro matrimonio. Il vento fresco arieggia appena la folla dei curiosi assiepata dietro le transenne

OSTUNI – Un maestrale teso batte la costa e anche la collina del centro storico di Ostuni. In cima c’è la cattedrale della Città Bianca, scelta da Flavia Pennetta e Fabio Fognini per il loro matrimonio. Il vento fresco arieggia appena la folla dei curiosi assiepata dietro le transenne, mentre per gli invitati che preferiscono attende fuori dalla chiesa l’arrivo della sposa, ci sono gazebo, tavolini e rinfreschi.

I vigili urbani hanno chiuso al traffico la strada che si inerpica sino alla cattedrale, e gli ospiti vip possono così arrivare in auto sino in cima. Ecco le compagne di Flavia, Sara Errani, Francesca Schiavone e, prima di tutte ad arrivare, Roberta Vinci da Taranto. Ma da tempo ad attendere sul sagrato, sotto il sole, c’è una leggenda del tennis mondiale, Boris Becker.

La cattedrale di Ostuni-2

A chiudere il gruppo delle donne in “azzurro” arriva un’altra leggenda, Lea Pericoli, che saluta il pubblico. Lo aveva fatto poco prima Fabio Fognini, lo sposo, giunto anche prima degli invitati famosi. Ed ecco i vertici dello sport italiano e della Fit, Giovanni Malagò presidente del Coni, e Angelo Binaghi, presidente della Federtennis. Non poteva mancare Corrado Barazzuti che arriva e si infila nell’ombra dell’antica basilica.

Giungono alla spicciolata anche i familiari di Flavia: la sorella Giorgia e la cugina Claudia Giovine, altra speranza del tennis brindisino e italiano. Poi la madre della campionessa, Concita. Sulla porta della cattedrale si affacciano le due piccole damigelle d’onore.

Alle 17,45 arriva lei, la trionfatrice di New York. La guerriera che ha scelto, poi, la famiglia e deposto la racchetta. Raggiante, fascino mediterraneo e abito nuziale bianco per un mix che manda in visibilio il pubblico dei locali e le decine e decine di turisti intorno. Lascia per qualche secondo il padre Ronzino, per girarsi e salutare la gente.

Il bacio in pubblico dopo la cerimonia-2

Appena Flavia entra nella chiesa per raggiungere il suo Fabio, si accende lo scontro tra i fotoreporter e gli operatori delle tv da un lato, e la security privata dall’altro, che ha ostacolato il lavoro dei giornalisti delle agenzia e di varie testate nazionali (persino mettendo le mani davanti agli obiettivi). Rabbia sacrosanta di chi è lì da ore per documentare l’evento. Si spera che all’uscita la musica cambi.

VIDEO: L'USCITA DALLA CATTEDRALE

Ed è cambiata. Fabio e Flavia alla fine della cerimonia si baciano davanti agli obiettivi. Scatti a raffica. Cronisti e fotografi se ne vanno a montare articoli e servizi da inviare, gli sposi e gli invitati partono per Torre Maizza, uno dei resort sulla cresta dell'onda della vicina Fasano e scenario di altre nozze famose.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

social

Festa della mamma: quando si festeggia e perché

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid in Puglia, prosegue il calo dei posti letto occupati

  • Attualità

    Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

  • Annunci

    Sfratti Parco Bove: il segretario Cobas martedì davanti al gup

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento