rotate-mobile
Cronaca Ceglie Messapica

Maxi-spesa con la carta rubata: condanna a 8 mesi

BRINDISI – Condanna a 8 mesi di reclusione e immediata scarcerazione. Si è conclusa nella tarda mattinata di oggi la vicenda giudiziaria di Pietro Semeraro, 28 anni, di Ceglie Messapica, arrestato l’altro giorno poche ore dopo avere rubato una carta di credito e fatto acquisti a tutto spiano nel supermercato Conforama di Fasano. Semeraro è comparso questa mattina dinanzi al giudice Cacucci per la convalida dell’arresto. Assistito dall’avvocato Franco Larocca, subito dopo la convalida, Semeraro ha chiesto di patteggiare. Otto mesi per il reato commesso. Richiesta accolta e, come si diceva, scarcerazione.

BRINDISI - Condanna a 8 mesi di reclusione e immediata scarcerazione. Si è conclusa nella tarda mattinata di oggi la vicenda giudiziaria di Pietro Semeraro, 28 anni, di Ceglie Messapica, arrestato l'altro giorno poche ore dopo avere rubato una carta di credito e fatto acquisti a tutto spiano nel supermercato Conforama di Fasano. Semeraro è comparso questa mattina dinanzi al giudice Cacucci per la convalida dell'arresto. Assistito dall'avvocato Franco Larocca, subito dopo la convalida, Semeraro ha chiesto di patteggiare. Otto mesi per il reato commesso. Richiesta accolta e, come si diceva, scarcerazione.

La posizione del giovane era molto complicata sotto il profilo processuale. Subito dopo essere stato bloccato dai poliziotti del commissariato di Ostuni, con in macchina gli acquisti fatti con la carta di credito rubata, ha confessato. Ha raccontato che in un bar di Villanova si era impossessato del portafogli di una donna. Che dentro c'erano poco più di dodici euro. Che aveva preso la carta di credito e con la fidanzata, che stava con lui, si era recato a Conforama ed aveva fatto acquisti. E che acquisti: 1 televisore al plasma, 1 forno a microonde, 1 lettore Dvx, 5 paia di scarpe ginniche griffate da donna, uomo e bambino, 1 livella, 1 risma di 500 fogli bianchi, 3 confezioni contenente 2 paia di calzini, 1 paio di calzini da uomo colore bianco, 5 confezioni contenenti 3 pezzi di slip da uomo, 1 tuta ginnica maschile marca griffata, 1 maglietta maschile di colore blu griffata, 1 maglietta maschile di colore bianco griffata, 3 magliette maschili colore blu griffate, 3 magliette maschili, 1 maglietta maschile griffata, 1 pantalone ginnico maschile griffato, 6 confezioni contenente indumenti intimi da uomo e bambino, 1 tuta ginnica maschile griffata, 1 confezione contenente un accappatoio per neonato.

Poi anche 1 completino da bambino, 2 confezioni contenente 2 body neonato, 5 completini per bambina, 3 magliette da donna griffata, 2 magliette bambina, 2 pantaloni bambina, 1 pantaloncino bambina, 1 completo donna, 1 gonna bambina, calzini da donna, slip, reggiseni, olio per il corpo, crema solare, vari fondotinta, crema per il viso, ombretto, rossetto, alcuni mascara di marca e, persino una pinzetta per le ciglia.

Aveva caricato la merce nella vettura di una parente che stava con lui e la sua fidanzata. E stava continuando a fare acquisti quando sono arrivati gli agenti del Commissariato di Ostuni. Ai poliziotti si era rivolta la derubata per cercare di bloccare al più presto il malvivente. Che a sua volta si era subito dato agli acquisti ben sapendo che nel giro di poco tempo la carta di credito sarebbe stata inservibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi-spesa con la carta rubata: condanna a 8 mesi

BrindisiReport è in caricamento