Cronaca

Mensa, Consales: "Licenziare dipendenti che boicottano il servizio"

Il sindaco Consales fa riferimento a un "cartello" dei gestori di centri cottura e a un tentativo di boicottaggio perpetrato da alcuni dipendenti in una nota stampa di risposta agli strali lanciati stamani dall'opposizione di centrodestra, che ha duramente attaccato la gestione dell'emergenza mensa da parte dell'amministrazione comunale

BRINDISI – Il sindaco Consales fa riferimento a un “cartello” dei gestori di centri cottura e a un tentativo di boicottaggio perpetrato da alcuni dipendenti in una nota stampa di risposta agli strali lanciati stamani dall’opposizione di centrodestra, che ha duramente attaccato la gestione dell’emergenza mensa da parte dell’amministrazione comunale. Il primo cittadino ha brevemente ripercorso il percorso amministrativo culminato con l’affidamento dell’appalto alla ditta Markas di Bolzano. 

“La vicenda ormai è ben nota a tutti – afferma Consales  – e parte dal cambio di azienda, frutto di un pronunciamento del Consiglio di Stato. La ditta uscente si è rifiutata (nonostante fosse previsto nel contratto) di accettare una proroga di due mesi: il tempo necessario perché la Markas potesse allestire il centro cottura comunale, nel rione Perrino”. “Tutto questo – prosegue Consales - ha costretto l’Amministrazione Comunale a correre ai ripari (non potendo emettere ordinanze sindacali), chiedendo alla Markas di predisporre una soluzione provvisoria”. 

Dunque il sindaco rimarca che “tutti i proprietari dei centri cottura presenti in zona si sono rifiutati di noleggiarlo alla Markas”, augurandosi che non si tratti “di un vero e proprio cartello”. Sta di fatto che la Markas è dovuto correre ai ripari a Cisternino, dove si trova il centro cottura messo a disposizione dall’agriturismo Marangiulo. 

“In tempi record  - spiega ancora il sindaco - tale centro è stato dotato di tutte le attrezzature necessarie e quindi il servizio mensa è ripartito nel più breve tempo possibile. E’ evidente che non siamo al top nel momento in cui i pasti vengono confezionati a più di cinquanta chilometri da Brindisi, ma la buona qualità degli ingredienti utilizzati ed alcuni accorgimenti tecnici ci consentono di sopperire a tale problema”. 
Il riso in brodo (scotto e senza brodo) servito ieri, viene catalogato come un “inconveniente che non si ripeterà più”. 

Per quanto riguarda i chiarimenti sul centro cottura di Cisternino chiesti dal centrodestra attraverso un’interrogazione, Consales assicura che tale struttura “è dotata, così come hanno avuto modo di verificare gli uffici comunali, di tutte le autorizzazioni urbanistiche a sanitarie previste per un centro cottura e non penso che l’amministrazione comunale debba essere a conoscenza se una struttura giudicata perfettamente in regola dalle autorità competenti è sottoposta o meno a procedimenti di carattere giudiziario”. 

La richiesta di dimissioni dell’assessore Margarito viene rispedita al mittente, in quanto a detta del sindaco “è evidente che si tratta di una mossa strumentale delle opposizioni, visto che è sin troppo chiaro che Margarito non ha alcuna responsabilità, così come non ne ha il dirigente”. 
Tutte le responsabilità vengono quindi scaricate sulla Ladisa, che “dovrà dar conto del proprio operato, così come adesso spetta alla Markas predisporre al meglio il servizio mensa”. 

I controlli eseguito oggi dai tecnici dell’Asl, ad ogni modo, hanno dato esito positivo. “Sono andati benissimo – afferma il sindaco - visto che è stata certificata l’ottima qualità dei cibi, sia in fase di confezionamento che di consegna una volta arrivati a Brindisi. Lo ripeto: cercare un terreno di scontro politico anche su argomenti delicatissimi come quello della mensa è stucchevole, se non addirittura disgustoso”.

Dopo un cenno al “costruttivo” incontro di stamani con i genitori, il sindaco conclude il suo intervento toccando il tasto sindacale. “Domattina, infine – conclude il Sindaco – incontrerò le organizzazioni sindacali. Abbiamo netta l’impressione che qualche dipendente stia boicottando la buona riuscita del servizio mensa. Appena disporremo di tutti gli elementi chiederemo a Markas di procedere con il licenziamento in tronco e con la denuncia all’Autorità Giudiziaria competente. Noi non scherziamo. E lo dimostreremo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mensa, Consales: "Licenziare dipendenti che boicottano il servizio"

BrindisiReport è in caricamento