rotate-mobile
Cronaca

Mercato a Sant'Elia: sdegno per la revoca delle aperture domenicali

Il dietrofront del Comune sulle aperture domenicali del mercato del giovedì, quello che si svolge al rione Sant'Elia, non va per nulla giù a buona parte della cittadinanza e ai commercianti ambulanti. La notizia riguardante la revoca dell'ordinanza (dello scorso 2 luglio) con cui erano state istituite le aperture nei giorni del 9 novembre, del 14 e 21 dicembre prossimi

BRINDISI – Il dietrofront del Comune sulle aperture domenicali del mercato del giovedì, quello che si svolge al rione Sant’Elia, non va per nulla giù a buona parte della cittadinanza e ai commercianti ambulanti. La notizia riguardante la revoca dell’ordinanza (dello scorso 2 luglio) con cui erano state istituite le aperture nei giorni del 9 novembre (quando il mercato si è regolarmente svolto), del 14 e 21 dicembre prossimi, ha scatenato un’ondata di sdegno sul profilo Facebook di BrindisiReport.

Decine di lamentele sono arrivate sia dalla gente comune che dagli esercenti. “Una cosa buona l’avevano fatta – scrive Maria Rosaria – ma ovviamente la tolgono”. “Io speravo in altre domeniche d’apertura – afferma Valeria – perché tutta la settimana lavoro di mattina e la domenica è l’unico giorno in cui sarei potuta andarci”. “Cosa ci potevamo aspettare – dice Valentina - a Brindisi le cose che vanno le fanno morire”. Daniela, commerciante ambulante, se la prende con i negozianti del centro.

“Qui – scrive l’esercente – abbiamo tutti il diritto di lavorare. Non penso che un solo mercato al mese previsto di domenica mattina possa arrecare grandi danni ai negozi del centro, che invece sono aperti mattina e pomeriggio, comprese le domeniche, anche quando piove. Noi invece -  prosegue Daniela – quando piove non possiamo lavorare e se c’è molto vento non si può aprire. Cari signori (dice appunto Daniela rivolgendosi ai colleghi del centro, ndr) fatevi un bagno d’umiltà. E comunque lotterò con gli altri commercianti per fare un mercato domenicale a dicembre”.
 

Daniela attacca i commercianti del centro poiché la revoca della delibera, come appreso ieri (26 novembre) da una nota del Comune, è scaturita da una riunione svoltasi lo scorso 21 novembre fra i commercianti del quartiere e delle zone limitrofe (che proprio il nove novembre avevano notato un calo del fatturato), il dirigente dell’ufficio Annona del Comune, Nicola Zizzi, l’assessore al ramo, Giuseppe De Maria, e tre associazioni: Confesercenti, Adoc e movimento dei consumatori.

Ben 96 commercianti, inoltre, attraverso una petizione inoltrata all’amministrazione comunale, avevano denunciato “la perdita di incassi e conseguente peggioramento ‘di una situazione economico-finanziaria prossima al collasso’”. Ma gli ambulanti del mercato del Sant’Elia lamentano di non essere stati minimamente coinvolti nel processo decisionale che ha portato alla revoca del provvedimento in questione.

Antonio Turi, ambulante della provincia presente da oltre 30 anni al mercato del giovedì, spiega a BrindisiReport che numerosi colleghi avevano già pagato il supplemento, pari a 30 euro, per le aperture domenicali. “Trovo poco corretto – afferma Antonio Turi – il fatto che la rappresentanza degli ambulanti non sia stata invitata alla riunione con Confesercenti e le altre associazioni di categoria. Qualcuno di noi aveva già sostenuto degli impegni di spesa in vista delle aperture domenicali”.

Gli ambulanti chiedono dunque che vengano ripristinate le aperture del 14 e del 21 dicembre, o che, quantomeno, resti quella prenatalizia, visto che la festività del 25 dicembre ricadrà di giovedì e quindi il mercato non si svolgerà. “Si rischia di dar vita – prosegue Antonio Turi – a una guerra fra poveri. Se il mercato non si può svolgere di domenica poiché verrebbero danneggiati gli affari dei commercianti di vicinato, allora che si chiudano anche i centri commerciali. Noi – conclude il commerciante – non pretendiamo nulla di particolare. Invochiamo solo un diritto che fra l’altro ci era già stato riconosciuto”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercato a Sant'Elia: sdegno per la revoca delle aperture domenicali

BrindisiReport è in caricamento