Droga, munizioni e reperti archeologici: dopo la denuncia, scatta l'arresto

In casa di un 49enne di Mesagne i carabinieri avevano sequestrato 11 reperti archeologici, marijuana e 128 cartucce per fucile di diverso calibro

MESAGNE - Si sono aperte le porte del carcere di Brindisi per il 49enne di Mesagne, Marco Corbezzolo, già agli arresti domiciliari, ai quali i carabinieri della stazione di Mesgane hanno sequestrato 11 reperti archeologici di vario tipo risalenti all'età messapica. A casa di Corbezzolo, durante la perquisizione, erano stati ritrovati, anche, 128 cartucce per fucile di diverso calibro e 14,8 grammi di marijuana nascosti in parte nella tasca dei pantaloni e in parte trovata sul tavolo della cucina. Per questo l'uomo era stato denunciato. Ma oggi l'ufficio di sorveglianza di Lecce ha disposto per il 49enne un’ordinanza di carcerazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Brindisi-Bari, muore un motociclista brindisino

  • "Da venerdì scuole chiuse in Puglia": Emiliano firma l'ordinanza

  • Scontro alla zona industriale, giovane motociclista perde la vita

  • Virus: schizzano i contagi, chiuse altre scuole nel Brindisino

  • Trovata morta nell'auto in cui viveva: dramma della solitudine al cimitero

  • Un contributo a fondo perduto fino a 40mila euro per gli artigiani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento