Sabato, 12 Giugno 2021
Cronaca

Veleno nei bocconcini per cani, cittadina sporge denuncia alla polizia locale

Il fatto è accaduto ieri, giovedì 10 giugno, in via Goldoni. Il lumachicida era nascosto all'interno di due guanti di lattice lasciati sul marciapiede

MESAGNE - Erano, accuratamente, nascosti all'interno di due guanti in lattice lasciati sul marciapiede, i bocconcini avvelenati con le pillole blu, ovvero il lumachicida, un fitofarmaco velenoso usato in agricoltura come anti lumaca ma fatale per cani e gatti. La scoperta è stata fatta da una cittadina, nonchè volontaria animalista di Mesagne, al suo rientro a casa, in via Goldoni. Un tentativo di avvelenamento, non il primo nella stessa via, ai danni di cani, sia di proprietà, che di quartiere che vivono nella zona. Per questo la ragazza si è subito recata al locale comando della polizia locale per sporgere denuncia contro ignoti e far partire la macchina delle indagini per risalire all'autore del vile gesto. 

"Se tutti dovessimo comportarci in questo modo - spiega l'attivista animalista, che si batte da tempo per la difesa degli animali - togliendo dalla faccia della terra persone o animali che non ci piacciono, questa vita sarebbe praticamente impossibile da sostenere. Nel mio quartiere è stata sempre una lotta continua a causa dell' ignoranza che regna sovrana in molte persone, pronte sempre a litigare e a lamentarsi per ogni futile motivo. Non so se volessero colpire me in prima persona oppure direttamente queste anime innocenti ma chi si è spinto a fare ciò ha seri problemi mentali. Mi dispiace che nella mia città ancora oggi ci sia qualcuno che faccia questi gesti di viltà profonda.

Da quanto si apprende, un'altra residente nella stessa via ha, purtroppo, perso un cane a causa di bocconi avvelenati. Pare che in questo caso il veleno sia stato lanciato di proposito in direzione del cane che era custodito sulla terrazza di proprietà. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Veleno nei bocconcini per cani, cittadina sporge denuncia alla polizia locale

BrindisiReport è in caricamento