Estorsione e minacce a un imprenditore: "Se avvisi i carabinieri ti ammazzo"

Ma la vittima, minacciata nella sua azienda, va a sporgere denuncia. Un mese dopo, fucilate contro la sua abitazione. Finanziamenti, anche a tassi usurari, erogati a imprenditori e cittadini

Prima si sono presentati nella sua azienda, puntandogli un fucile in faccia. Poi, a settimane di distanza, hanno esploso due colpi di arma da fuoco contro la sua abitazione. Un imprenditore di Villa Castelli ha dovuto chiedere aiuto ai carabinieri per liberarsi dalle minacce e dalle intimidazioni di un gruppo malavitoso che cercava di estorcergli una somma di denaro pari a circa 40mila euro. Il suo incubo è finito stamani (sabato 18 luglio), quando i militari della compagnia di Francavilla Fontana diretti dal capitano Gianluca Cipolletta e dal tenente Andrea Grasso, al comando del Norm, hanno arrestato i presunti estorsori, nell’ambito dell’operazione “Crash & money”.

Le persone arrestate e i capi di imputazione

Martino Marangi, 46enne di Martina Franca (Taranto), Domenico Marangi, 23enne di Villa Castelli, Martino Barletta, 47enne di Francavilla Fontana, e Donato Carlucci, 24enne di Villa Castelli, avrebbero agito con la complicità di un ragazzo, minorenne all’epoca dei fatti, per il quale si procede separatamente. I quattro devono rispondere del reato di tentata estorsione aggravata in concorso. Complessivamente sono nove le persone, di cui una al momento irreperibile, raggiunte dall’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale di Brindisi, Stefania De Angelis, su richiesta della Procura di Brindisi, per una serie di reati che spaziano dallo spaccio di droga alla abusiva attività finanziaria, passando per i furti di autovetture con cavalli di ritorno, i tentativi di estorsione e il porto di armi clandestine, avvenuti fra Villa Castelli, Ceglie Messapica e Grottaglie (Taranto). In tutto sono 50 gli episodi ricostruiti dai carabinieri fra il 2016 e il 2018, attraverso il ricorso a intercettazioni telefoniche e ambientali.

L'appello del capitano Cipolletta: "Gli imprenditori denuncino le estorsioni"

Le minacce e le fucilate

La tentata estorsione all’imprenditore di Villa Castelli è una delle vicende di spicco dell’inchiesta. La vittima, responsabile insieme al padre di un’azienda agricola, il 23 novembre 2016 si recò presso la stazione dell’Arma di Villa Castelli per sporgere denuncia. Poche ore prima, mentre lavorava nel suo magazzino, si era sentito “puntare qualcosa (una pala, ndr) in mezzo alla schiena e, contemporaneamente – si legge nell’ordinanza - sentiva una persona che proferiva nei suoi confronti le parole: ‘pezzo di m…”. Inizialmente l’imprenditore ha pensato che si trattasse di uno scherzo. Ma dopo essersi girato, ha notato un uomo con volto coperto da passamontagna che gli puntava un fucile in faccia, dicendogli: “Dì al tuo padrone di farmi trovare per domani 40.000 euro, non avvisare i carabinieri altrimenti vengo e vi combino un casino, vi ammazzo". Lo stesso poi, nel rinnovare l’invito a non rivolgersi alle forze dell’ordine, si è allontanato a bordo di una Fiat Grande Punto.

A quel punto sono partiti una serie di accertamenti tecnici che hanno portato i carabinieri sulle tracce di Domenico Marangi e Donato Carlucci. Questi, il 2 dicembre 2016, si sarebbero diretti verso l’abitazione dell’imprenditore, con l’intenzione, secondo gli investigatori, di esplodere dei colpi di arma da fuoco. Domenico Marangi e un minorenne procedevano a bordo di una Fiat Uno rubata. Donato Carlucci faceva invece da staffetta, alla guida della sua auto. I tre, però, non sapevano di essere monitorati dai carabinieri, che riuscirono a intercettare la Fiat Uno e ad arrestate in flagranza il minorenne, “con in mano l’arma carica di due cartucce”, mentre i suoi complici si dileguarono: Domenico Marangi a piedi, Donato Carlucci con la sua macchina. Nonostante l’arresto del minorenne, il gruppo, nel gennaio 2017, prese nuovamente di mira l’imprenditore, compiendo un grave atto intimidatorio. Martino Marangi, Martino Barletta e Donato Carlucci, sulla base delle risultanze investigative, sarebbero infatti i responsabili dell’esplosione di due fucilate contro l’abitazione della vittima. I colpi danneggiarono la finestra del bagno del piano rialzato e la parete circostante. Inoltre, a bordo di una Nissan Navara, gli indagati avrebero intenzionalmente urtato il cancello, scardinandolo.

L'attività abusiva finanziaria

Oltre ai tentativi di estorsione, i carabinieri hanno fatto luce su una serie di altre attività illecite (principalmente spaccio di droga e furti d’auto con cavallo di ritorno) i cui proventi, stando alle ipotesi accusatorie, erano utilizzati per concedere finanziamenti  (almeno in una circostanza a tassi usurari) a imprenditori e semplici cittadini. Ne sa qualcosa, suo malgrado, un uomo minacciato a più riprese dal 27enne Leonardo Leone, di Villa Castelli, per la restituzione, con gli interessi, di un prestito di denaro pari a 28mila. L’indagato, accusato di abusiva attività finanziaria in concorso, avrebbe proferito alcune fra le seguenti frasi nei confronti del debitore: “Non mi interessa delle cose che devi fare tu...vedi tu noi eravamo rimasti con una parola, vedi tu come devi fare, altrimenti io ti devo fare male, ti sto avvisando”; “Martedì ti faccio vedere cosa succede, sono tre mesi che sto aspettando, sono tre mesi; martedì si può mettere pure Cristo davanti…poi ti faccio vedere martedì”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Drammaticamente emblematica del ruolo assunto dal sodalizio nell’erogazione di prestiti a cittadini e imprenditori, a tal proposito, è una frase pronunciata da un altro debitore, in una conversazione intercettata dagli inquirenti: “Vi devo dire pure grazie che quello è anche un favore che mi avete fatto, poi voi lavorate così, è il vostro lavoro”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Brindisi-Bari, muore un motociclista brindisino

  • Nuovi contagi nelle scuole: positivi a Brindisi, Ostuni, Ceglie e Fasano

  • Un contributo a fondo perduto fino a 40mila euro per gli artigiani

  • Scontro alla zona industriale, giovane motociclista perde la vita

  • Altri 16 alunni positivi nel Brindisino: chiusa una scuola media

  • Migrante investito da un neopatentato: tragedia sulla provinciale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento