menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Auto polizia

Auto polizia

Arrestato parcheggiatore abusivo

LECCE – Non solo chiede denaro ma pretende anche una somma da lui stabilita e quando l'automobilista si rifiuta, lo minaccia.

LECCE - Non solo chiede denaro per la sorveglianza (abusiva) dell'auto ma pretende anche una somma da lui stabilita e quando l'automobilista si rifiuta, lo minaccia. Fortunatamente la vittima non si intimorisce (come spesso accade) e chiama la polizia. In manette nella serata di ieri ci è finito il 46enne leccese, Salvatore Mazzotta, volto già noto alle forze dell'ordine. Per lui l'accusa è di estorsione. In più al parcheggiatore abusivo è stato elevato un verbale al codice della strada per l'esercizio abusivo della professione di parcheggiatore con il contestuale sequestro amministrativo, finalizzato alla confisca, della somma contante di 14.65 euro, ritenuto provento di tale illecita attività.

I fatti che hanno portato all'arresto di Mazzotta si sono verificati alle 19,30 di ieri sera in via XX Settembre a Lecce quando un automobilista ha richiesto l'intervento della polizia perché stava subendo minacce da un parcheggiatore abusivo. Sul posto si è recata una pattuglia della Sezione volanti della questura di Lecce, al comando del vice questore Carmine Ingrosso, che ha colto il parcheggiatore abusivo in flagranza di reato: non accorgendosi della presenza dei poliziotti, il 46enne ha chiesto all'automobilista altro denaro oltre a quello già ricevuto.

Davanti al rifiuto da parte della vittima di quella che poi si è configurata in una vera e propria estorsione, il parcheggiatore ha lasciato intendere che in quella zona le auto vengono spesso danneggiate e che non avrebbe dovuto lamentarsi qualora al suo ritorno avesse trovato il veicolo danneggiato. Nel pronunciare queste frasi, il parcheggiatore aveva seguito lo aveva seguito per un tratto di strada la vittima, aggiungendo che a nulla sarebbe valso l'eventuale intervento di poliziotti in quanto lui era pregiudicato e spacciatore e non aveva nulla da perdere.

Tutto sotto gli occhi degli agenti che non appena la situazione stava per degenerare, sono intervenuti bloccando il 46enne. Mentre veniva accompagnato negli uffici della questura Salvatore Mazzotta ha continuato a minacciare il denunciante anticipandoli eventuali ripercussioni qualora fosse stato arrestato, tra le quali quella di fargli saltare la macchina.

Queste minacce fatte alla presenza degli agenti sono servite solo ad aggravare la sua posizione. Dopo le formalità di rito il parcheggiatore abusivo è stato arrestato per estorsione e rinchiuso in carcere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento