rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca Torre Santa Susanna

Minaccia di morte i parenti per liti di eredità: gli ritirano le armi

Passo cautelare dei carabinieri dopo la querela presentata da una coppia nei confronti di un congiunto 71enne

TORRE SANTA SUSANNA – Di questi tempi nessuna minaccia può essere sottovalutata, tanto meno se si inquadra in una contesa tra parenti. Un caso del genere si è palesato ai carabinieri di Torre Santa Susanna, quando una coppia di quarantenni si è recata in caserma per sporgere denuncia contro un congiunto di 71 anni, con cui è in atto una lite per ragioni di eredità.

I militari hanno svolto gli opportuni accertamenti verificando la situazione descritta nella querela, e intanto hanno compiuto un  passo importante: hanno ritirato in via cautelare le armi legalmente detenute dal presunto autore delle minacce. L’uomo infatti aveva a disposizione tre fucili da caccia con 66 cartucce e una pistola semiautomatica con 41 cartucce.

Stando all’atto di querela, il 71enne avrebbe pronunciato minacce di morte nei confronti dei parenti, a causa di dissidi nati per la suddivisione di alcune proprietà immobiliari. Ai militari non restava, a quel punto, che eliminare ogni possibile fattore di rischio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minaccia di morte i parenti per liti di eredità: gli ritirano le armi

BrindisiReport è in caricamento