menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Indagini da parte dei militari della compagnia carabinieri di Fasano

Indagini da parte dei militari della compagnia carabinieri di Fasano

Minorenni mandati a spacciare

FASANO – Sorpreso a cedere droga a una 16enne, arrestato un 17enne di Fasano. E' accusato di detenzione illecita e cessione di sostanze stupefacenti.

FASANO - Sorpreso a cedere droga a una 16enne, arrestato un 17enne di Fasano. E' accusato di detenzione illecita e cessione di sostanze stupefacenti ed è stato rinchiuso nel centro di prima accoglienza di Monteroni, Lecce. La minorenne, invece, è stata segnalata come assuntrice. L'arrestato aveva con se quasi 23 grammi di hashish, il quantitativo necessario per fare, almeno, un centinaio di dosi.

L'arresto è stato operato dai carabinieri della compagnia di Fasano, diretti dal tenente Pierpaolo Convertino, nell'ambito di un servizio mirato di contrasto al fenomeno dello spaccio. I due minorenni sono stati sorpresi a scambiarsi la droga in via Pasquale Lisi, nei pressi della villa comunale dove ha sede la fermata dei pullman. Una zona poco illuminata che, da quanto è stato accertato dai carabinieri, si presta bene all'attività di scambio della droga.

Da mesi, infatti presso la caserma dei carabinieri giungono segnalazioni anonime sulla presenza costante di spacciatori e assuntori in quella zona della Città della Selva. Il 17enne e la 16enne, amici tra loro, sono stati colti in flagranza di reato. I militari dopo un servizio di appostamento sono entrati in azione quando la minorenne aveva appena ricevuto una dose di hashish del peso di 0,5 grammi. Erano circa le 20. Addosso al presunto pusher c'era un tocchetto della stessa sostanza che era appena stato spezzato appunto per ricavare una dose. I due sono stati trasferiti in caserma e poi il 17enne nel carcere minorile.

L'attenzione dei carabinieri ora è puntata sull'individuazione dei soggetti o della banda da cui il minorenne finito nei guai ha acquistato la droga. Si ritiene, infatti, che il giovane pusher, che tra l'altro non ha mai avuto problemi di questo genere e soprattutto figlio di una famiglia di lavoratori, sia solo l'ultimo anello di una grossa catena di spacciatori che si servono dei ragazzi di minore età per raggiungere anche le fasce di assuntori più giovani.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: pressione ancora alta sugli ospedali, altri 39 decessi

  • Attualità

    Donne e politica: "Un mondo ancora pieno di pregiudizi"

  • Sport

    Palaeventi: Comune di Brindisi - New Arena all’atto finale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento