rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca Carovigno

Misterioso attentato all'abitazione del custode del cimitero di Carovigno

CAROVIGNO – Misterioso avvertimento ai danni del custode del cimitero di Carovigno. E’ un giallo tutto da chiarire quello dei due colpi di pistola esplosi contro il portone di casa di Salvatore Camposeo, 59 anni, dipendente comunale, in servizio come custode al camposanto, incensurato. Qualcuno intorno alle 23.30 di giovedì, sfrecciando in via Brindisi a bordo di una Audi A6 di colore scuro, ha tirato fuori una pistola a tamburo dal finestrino sparando contro il portone di casa dell’uomo, situata al civico 21, in pieno centro cittadino. Dopo la prima esplosione, qualcuno attratto dal rumore provocato dalla detonazione avrebbe visto ancora un braccio sporgere dal finestrino dell’auto da cui è partito poi un secondo colpo.

CAROVIGNO - Misterioso avvertimento ai danni del custode del cimitero di Carovigno. E' un giallo tutto da chiarire quello dei due colpi di pistola esplosi contro il portone di casa di Salvatore Camposeo, 59 anni, dipendente comunale, in servizio come custode al camposanto, incensurato. Qualcuno intorno alle 23.30 di giovedì, sfrecciando in via Brindisi a bordo di una Audi A6 di colore scuro, ha tirato fuori una pistola a tamburo dal finestrino sparando contro il portone di casa dell'uomo, situata al civico 21, in pieno centro cittadino. Dopo la prima esplosione, qualcuno attratto dal rumore provocato dalla detonazione avrebbe visto ancora un braccio sporgere dal finestrino dell'auto da cui è partito poi un secondo colpo.

L'Audi è ripartita poi a folle velocità facendo perdere le proprie tracce. Indagano sulla vicenda i carabinieri della stazione di Carovigno, sotto la regia della compagnia di San Vito dei Normanni, che hanno ritrovato conficcati nel portone le due ogive dei proiettili andati perfettamente a segno. Le indagini sono in corso a tutto campo. Non è escluso l'errore di persona, più avanti, lungo la stessa via risiederebbe anche un pregiudicato. Ma pare certo che l'obiettivo del messaggio intimidatorio fosse proprio lo stesso Camposeo. Chi invia questo genere di missive difficilmente sbaglia indirizzo. Nessuna macchia nel curriculum vitae del custode che, una volta udito il primo colpo si sarebbe affacciato alla finestra, notando la potente vettura dileguarsi nel cuore della notte.

Camposeo non avrebbe nemici, anche se l'avvertimento potrebbe essere riconducibile proprio alla sua stessa attività. Nei giorni scorsi, e su questa vicenda stanno cercando di acquisire ulteriori elementi gli investigatori, pare che l'uomo abbia avuto un acceso diverbio con un amministratore, ma l'oggetto del contendere resta ancora oscuro. Né tantomeno è certa una correlazione tra i due episodi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Misterioso attentato all'abitazione del custode del cimitero di Carovigno

BrindisiReport è in caricamento