menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mobilità e spostamenti nella Asl: "Si chiede trasparenza, imparzialità e pari opportunità"

Noi tutti dovremmo essere fieri di lavorare in un'azienda sanitaria che si occupa della salute dei cittadini nella comunità alla quale noi stessi apparteniamo

Riceviamo e pubblichiamo una nota della segreteria territorial del Nursind Brindsi su “Mobilità e spostamenti nella Asl Brindisi. Facciamo appello alla sensibilità del Commissario Straordinario”.

Il sentire comune riguardo ai processi di mobilità e di diversa collocazione funzionale, si chiede se i suddetti processi spesso non seguano la logica di meccanismi clientelari che non fanno altro che danneggiare il capitale sociale, quello culturale e quindi quello economico.

Un esempio paradigmatico di tale processo è la difficoltà di una giovane lavoratrice, con a carico tre figli minori, oltreché vedova, che malgrado reiterate richieste nel tempo non riesce ad ottenere l’agognato avvicinamento al nucleo famigliare.? Eppure lo stesso dettato costituzionale all’art.37 afferma che “La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e...............” le condizioni di lavoro devono consentire l'adempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino una speciale adeguata protezione”, ne garantisce la funzione famigliare e lavorativa della donna ed infine il datore di lavoro è tenuto a valutare con la massima attenzione ogni soluzione utile ad agevolare l’assolvimento della funzione genitoriale.

Da tempo affermiamo che, in una logica di benessere organizzativo, la qualità e la valorizzazione delle professioni passano attraverso un sistema strategico che possa aumentarne il valore e il senso di appartenenza.? Noi tutti dovremmo essere fieri di lavorare in un'azienda sanitaria che si occupa della salute dei cittadini nella comunità alla quale noi stessi apparteniamo. Eppure quasi mai è così. Non tutti si sentono fieri, perché il sistema presentava e presenta tutt’oggi delle criticità e delle lacune in termini di capacità di valorizzazione delle risorse umane.

Il personale ha senz’altro bisogno di stima, di autorealizzazione e utilità del lavoro svolto, portando così allo sviluppo di una cultura aziendale che favorisca l'entusiasmo al lavoro con una incidenza positiva sulla produttività.

?Per questo motivo facciamo appello alla sensibilità, da sempre dimostrata, da parte del Commissario Straordinario, nei confronti dei principi di trasparenza, imparzialità e pari opportunità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento