menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Molestie sessuali su minore, il pm chiede condanna a sei anni

Imputato un brindisino di 62 anni nel processo con rito abbreviato. Parti civili, la mamma e il papà della ragazzina. A gennaio il figlio dell'uomo rimase ferito da colpi di pistola sparati mentre stava percorrendo via Carducci: per il tentato omicidio, chiesto il rinvio a giudizio di due uomini, parenti della minorenne

BRINDISI – “Condanna a sei anni di reclusione con l’accusa di molestie sessuali su una minorenne”: la richiesta è stata presentata ieri (30 maggio) dal pm nel processo in cui è imputato un brindisino di 62 anni. L’uomo, F.D.M è stato ammesso all’abbreviato e l’udienza si è svolta in mattinata davanti al gup del Tribunale di Brindisi, Paola Liaci, chiamata a decidere sulla posizione del 62enne, rinviato a giudizio a conclusione dell’inchiesta nata dopo la denuncia sporta dai genitori della minore. La mamma e il papà si sono costituti parte civile in occasione dell’udienza preliminare che si svolse il 12 gennaio e sono rappresentati in giudizio dall’avvocato Gianvito Lillo.

In quella occasione ci fu tensione in aula tra i parenti dell’imputato e alcuni familiari della ragazzina: mentre era in corso l’interrogatorio, scoppiò un diverbio che nel giro di poco degenerò in aggressione, tanto da rendere necessario l’intervento dei carabinieri e dei vigilantes presenti a Palazzo di giustizia.

Nel pomeriggio di quello stesso giorno, il figlio dell’imputato, venne ferito alle gambe da colpi di pistola mentre stava percorrendo via Carducci, nel quartiere Paradiso di Brindisi. Secondo gli investigatori quella sparatoria è da collegare a quanto avvenuto la mattina in udienza e da ritenere una diretta conseguenza.

Per i colpi di pistola che per la Procura sono da qualificare come tentato omicidio, furono arrestati due uomini, padre e figlio, parenti della ragazzina indicata come parte lesa delle molestie sessuali. Per entrambi, scarcerati dal Riesame, è arrivata la richiesta di processo. 

Quanto all’imputato accusato di molestie sessuali sulla ragazzina, la difesa è affidata alla penalista Daniela d’Amuri: l’avvocato ha chiesto l’assoluzione con formula di giustizia. L’accusa è stata sostenuta in udienza, dal sostituto procuratore Luca Miceli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento