Cronaca

Monitoraggio dell'ambiente, rifiuti e Tap tra gli obiettivi del nuovo presidente dell'Anta

L’Anta (Associazione nazionale per la tutela dell’ambiente) comunica la nomina a livello territoriale quale presidente dell’associazione la dottoressa Dolores Fiorentino

BRINDISI - L’Anta (Associazione nazionale per la tutela dell’ambiente) comunica la nomina a livello territoriale quale presidente dell’associazione la dottoressa Dolores Fiorentino. La neo eletta presidente ha presentato ai soci la sua agenda di lavoro che prevede come obiettivo primario informare e sensibilizzare le amministrazioni pubbliche riguardo la necessità di affrontare il tema dei rifiuti con l’ausilio delle nuove soluzioni ecotecnologiche. Come ad esempio l'impianto di trattamento meccanico biologico a freddo il cui fine è quello di recuperare materia prima evitando qualsiasi forma di incenerimento e il ricorso alle discariche come destinazione finale della materia,chiudendo così il ciclo dei rifiuti con una logica di piena sostenibilità ambientale.Dolores Fiorentino-2

Altro aspetto meritevole d’impegno è il totale diniego all’approdo Tap a Brindisi. La proposta del presidente della Regione Puglia seppur mirata alla decarbonizzazione della città di Brindisi e della Puglia, pone un problema di sostenibilità di impatto ambientale in un'area già fortemente depressa per la presenza di impianti impattanti.

Più proficuo per il territorio risulterebbe prevedere nell’ambito della prossima Aia Enel la riduzione degli inquinanti. Altro aspetto è rappresentato dal monitoraggio totale dell’Ambiente con controllo da effettuare a carico delle guardie ambientali, corpo che a Brindisi stenta a decollare. Per realizzare ciò sarebbe auspicabile la stipula di convenzioni tra Amministrazioni locali, Enel ed Eni che prevedano compensazioni ambientali attraverso l’utilizzo di tecnologie avanzate,sostenendo progetti specifici di promozione turistica, sociale e rilancio del territorio. L’Anta si impegna a sostenere il comitato referendario contro le trivellazioni.

Quanto sopra citato e altro ancora sono gli impegni che l’associazione intende assolvere con la guida della dottoressa Fiorentino. E’ innegabile che il rilancio di Brindisi passa solo attraverso la tutela dell’ambiente, non vi potrà essere sviluppo del territorio sotto il profilo turistico economico e agricolo senza un Ambiente sostenibile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monitoraggio dell'ambiente, rifiuti e Tap tra gli obiettivi del nuovo presidente dell'Anta

BrindisiReport è in caricamento