Ada Spina non ce l'ha fatta: lutto nella Confederazione agricoltori

Aveva 59 anni e viveva a Latiano. Apprezzato e stimato funzionario della Cia, di cui ha fatto parte per quasi 40 anni

LATIANO - Ada Spina non ce l’ha fatta. In pochissimi mesi, un male incurabile e devastante l’ha strappata all’affetto dei suoi cari e della “famiglia” Cia (Confederazione agricoltori italiani). Aveva 59 anni e viveva a Latiano.  Apprezzato e stimato funzionario della Confederazione, ha rivestito nei suoi quasi 40 anni di attività nella Cia – nella quale era arrivata nel 1980 subito dopo essersi diplomata – anche diversi incarichi dirigenziali. 

È stata più volte componente delle direzioni provinciali della Cia di Brindisi e regionali della Cia Puglia, delle giunte provinciali della Cia di Brindisi nella quale ha rivestito anche l’incarico di vicepresidente provinciale, e a seguire di direttore provinciale dell’Inac (il patronato della Cia) di Brindisi fino allo scorso anno, quando è stata chiamata a dirigere il patronato Inac della provincia di Bari. 

Da sempre ha lavorato nel settore dei servizi alla persona ed in particolare del patronato, divenendo negli anni un punto di riferimento importante per i tanti colleghi a livello non solo provinciale e regionale ma anche nazionale, svolgendo anche l’incarico di formatore a livello nazionale.

Lascia il marito Gianni, le sorelle Enza e Luisa e il fratello Luigi.  A loro un forte abbraccio da parte del sistema Cia nazionale, regionale e provinciale. I funerali si svolgeranno oggi (domenica 12 maggio), alle ore 16.30, presso la Parrocchia Sacro Cuore a Latiano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Banditi nel McDonald's del Brin Park affollato di bambini

  • Incendio in un condominio, in salvo persone bloccate

  • Lite fra vicini sfocia nel sangue: uomo preso a sprangate in testa

  • Lite poi gli spari davanti al mercato della "Corazzata", al Paradiso

  • Oltre 40 grammi di cocaina nascosti in cucina: arrestato un operaio

  • Brindisi "Il porto più bello del mondo". Con i nuovi accosti e un parco urbano

Torna su
BrindisiReport è in caricamento