Cronaca Francavilla Fontana

Morto dopo un mese di ricovero: 8 indagati, disposta l'autopsia

Mercoledì prossimo (23 dicembre) verrà conferito al medico legale Roberto Vaglio l’incarico di procedere con l’autopsia sul corpo del pensionato 69enne di Francavilla Fontana, Gerardo Carrino, deceduto lo scorso 16 dicembre dopo un mese di ricovero presso il reparto di Medicina dell’ospedale Camberlingo di Francavilla Fontana. Il pm Antonio Costantini ha aperto un fascicolo per omicidio colposo

BRINDISI – Mercoledì prossimo (23 dicembre) verrà conferito al medico legale Roberto Vaglio l’incarico di procedere con l’autopsia sul corpo del pensionato 69enne di Francavilla Fontana, Gerardo Carrino, deceduto lo scorso 16 dicembre dopo un mese di ricovero presso il reparto di Medicina dell’ospedale Camberlingo di Francavilla Fontana. Il pm Antonio Costantini ha aperto un fascicolo per omicidio colposo in concorso a carico di otto persone, fra cui 7 medici del nosocomio francavillese.

Le indagini sono partite da una denuncia sporta presso la compagnia dei carabinieri di Francavilla dai tre figli del defunto, difesi dagli avvocati Anna Rita Amati e Lucia Locorotondo, che potranno nominare dei consulenti tecnici di parte che assisteranno all’esame autoptico. Questo servirà a chiarire le cause del decesso del pensionato e se vi siano state delle negligenze dal personale sanitario.

Carrino, affetto da diabete, venne ricoverato nel reparto di Medicina del Camberlingo poiché affetto da disturbi gastrointestinali (vomito e diarrea) persistenti. Nel corso del periodo di ricovero, le sue condizioni non sono migliorate. Venerdì  11 dicembre i medici avrebbero voluto dimetterlo, ma i famigliari si sono opposti, chiedendo che restasse in ospedale ancora per alcuni giorni per essere sottoposto a ulteriori accertamenti, visto che la terapia a base di flebo e farmaci alla quale il malcapitato era stato sottoposto non aveva sortito risultati degni di nota.

Ma domenica scorsa (13 dicembre), la situazione è peggiorata drammaticamente. Il quadro clinico del 69enne si è improvvisamente complicato. I medici lo hanno sottoposto a un intervento di chirurgico d’urgenza per una sospetta peritonite. I figli si sono precipitati in ospedale. Tre giorni dopo si è consumato il drammatico epilogo di questa vicenda. Quel giorno stesso, gli eredi sporsero denuncia. Dall’’autopsia potrebbero giò arrivare le prime risposte. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto dopo un mese di ricovero: 8 indagati, disposta l'autopsia

BrindisiReport è in caricamento