Lutto nei vigili del fuoco: addio al caporeparto Luigi Rossini

Si è spento all'età di 59 anni, a pochi mesi dal traguardo della pensione, dopo una lotta con un male. Mercoledì i funerali

VILLA CASTELLI – Era arrivato a pochi mesi dal traguardo della pensione. Ma un male lo ha sottratto all’affetto dei suoi cari. Luigi Rossini, caporeparto esperto dei vigili del fuoco, si è spento oggi (martedì 29 gennaio), dopo una vana lotta contro la malattia. Da oltre 35 anni serviva con abnegazione e spirito di sacrificio il Corpo nazionale dei vigili del fuoco.

Residente a Villa Castelli, viene ricordato dai colleghi come una brava persona, riservata e allo stesso tempo piena di umanità verso il prossimo. “Era calmo e carismatico sul lavoro – racconta un collega – ci trattava tutti come dei figli”. Rossini sarebbe dovuto andare in pensione il prossimo luglio. Negli ultimi anni, purtroppo, altri lutti hanno colpito il comando provinciale dei vigili del fuoco di Brindisi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le esequie si svolgeranno domani (mercoledì 30 gennaio), nella sua Villa Castelli, presso la chiesa San Vincenzo dé Paoli. Il feretro muoverà da via Provinciale per Martina Franca, civico 72. Rossini lascia moglie e due figli. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aveva smarrito la bici e scritto un biglietto per ritrovarla: la polizia gliene regala una nuova

  • La spiaggia libera? E' mia, e me la gestisco io

  • Brindisi: i carabinieri scoprono undici furbetti del reddito di cittadinanza

  • Notte movimentata: rissa tra giovani e spari contro un'auto

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Furti d'auto in trasferta: identificati e arrestati due brindisini

Torna su
BrindisiReport è in caricamento