rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Cronaca

Multiservizi: "Iniziative deprecabili e privilegi"

BRINDISI - Riceviamo un commento sull'agitazione dei giorni scorsi dei lavoratori di Brindisi Multiservizi inviata dall'amministratore unico avvocato Francesco Arigliano. Parole dure contro chi ha causato disservizi ai cittadini, e contro chi ha fatto ciò per difendere i propri privilegi.

BRINDISI - Riceviamo un commento sull'agitazione dei giorni scorsi dei lavoratori di Brindisi Multiservizi inviata dall'amministratore unico avvocato Francesco Arigliano. Parole dure contro chi ha causato disservizi ai cittadini, e contro chi ha fatto ciò per difendere i propri privilegi, obbligando - sostiene Arigliano - anche altri lavoratori a non sottrarsi a queste forme di protesta. Non è questa la strada per risolvere i problemi della partecipata, afferma l'amministratore unico di Bms. Ecco la sua lettera aperta.

In merito ai fatti poco edificanti verificatasi nei giorni addietro, intervengo solo ora essendo stato all?estero per qualche giorno per motivi familiari di salute.  Ho seguito con rammarico le deprecabili iniziative di blocco aziendale, assunte da alcuni lavoratori e supportate da un sindacato in particolare, che, lungi dal favorire un confronto costruttivo tra le parti coinvolte, hanno di fattocausato un pregiudizio economico a carico della BMS (mancati introiti), la probabile interruzione di pubblico servizio e la commissione di condotte delittuose ad opera di alcuni facinorosi.

Prendo atto, quindi, dell?inosservanza a quanto richiesto dallo scrivente in occasione dell?assemblea con sindacati e lavoratori di lunedì 17 marzo 2014, nell?interpretare la volontà del socio unico (non autorizzazione dei pagamenti degli incentivi ad personam in favore dei dipendenti sin dalla prossima retribuzione) in senso propositivo e non disfattista; tale indirizzo, seppur apertamente condiviso da una folta parte dei dipendenti presenti e dagli stessi sindacati, i quali dichiaravano, tuttavia, che avrebbero formalmente preso le distanze dall?iniziativa del sindaco poiché intervenuta nel momento cruciale delle trattative in corso sul Ccnl unico, partiva dalla consapevolezza che le attuali condizioni finanziarie del Comune di Brindisi non consentirebbero di sostenere ed alimentare una società partecipata che non rispetti i canoni di efficienza ed economicità nella gestione aziendale.

La Brindisi Multiservizi è di proprietà della Città di Brindisi, a cui il sindaco deve dar conto attraverso l?indicazione di specifici indirizzi che l?amministratore unico, nominato dal socio unico, deve attuare nell?espletamento del proprio ruolo gestorio;  è quindi necessario, talvolta, saper fare autocritica fornendo risposte immediate e concrete ai cittadini in termini di maggior qualità delle attività espletate, con particolare attenzione alla cura del verde urbano, alle scuole, alla segnaletica, ai parcheggi, alla rimozione, alla rete viaria, alla pulizia degli edifici comunali ed altro, ma anche in termini di razionalizzazione della gestione societaria: da qui l?input di proseguire lungo il sentiero già tracciato dell?efficientamento dei servizi, della polivalenza delle mansioni dei lavoratori e della riduzione dei costi aziendali.

Ebbene, l?intento prospettato in sede assemblearedel 17 marzo era appunto indirizzato verso una immediata reazione costruttiva da parte delle maestranze che avrebbero dovuto prodigarsi al fine di eliminare nell?arco dei dieci giorni lavorativi successivi ogni disservizio (vero o presunto) lamentato dai dirigenti comunali; immediatamente dopo una tale dimostrazione di serietà ed affidabilità dinanzi all?intera cittadinanza, si sarebbe aperto un nuovo tavolo di confronto con la fierezza da parte di lavoratori e sindacati nel pretendere la tutela di diritti contrattuali e retributivi nel passaggio all?applicazione di unico Contratto collettivo nazionale di lavoro Multiservizi.

Contrariamente a quanto auspicato, pochi lavoratori, forse quelli più consapevoli di essere stati in passato immeritatamente privilegiati rispetto ad altri, hanno assunto condotte deplorevoli, su cui si dovrà far luce, generando un clima di tensione e timore nei riguardi dei loro colleghi contrari a qualsivoglia forma di sciopero.  Il risultato di tutto ciò è stato uno spettacolo indecoroso reso alla comunità laddove la società partecipata, pur di fronte alla evidenza di criticità gestionali ed operative che la riguardano, si ribella al suo socio unico pubblico illudendosi di poter utilizzare le manifestazioni di forza ed il blocco delle attività quali strumenti di confronto piuttosto che il concreto cambio di marcia in discontinuità rispetto all?inefficienza del passato.

In conclusione, resta, tuttavia, da considerare che tra le maggiori storture della BMS non potrà di certo annoverarsi il trattamento retributivo dei dipendenti, altrimenti si commetterebbe l?errore di scaricare la colpa di tutti i mali sull?anello più debole della catena, perdendo di vista le responsabilità del sistema politico-istituzionale che ha di fatto consentito che si pervenisse all?attuale punto di non ritorno (bilancio 2012 non ancora approvato, rilevante esposizione debitoria nei confronti di erario e fornitori per circa  2.500.000,00 euro, disallineamento negativo tra costi e ricavi riveniente dall?antieconomicità dei contratti di affidamento dei servizi, abuso nel ricorso a facili rapporti di lavoro precario reiterati nel tempo), da cui svincolarsi per invertire da subito la rotta verso la ripresa con affidamenti triennali in grado di garantire, da un canto al Comune di Brindisi l?autoproduzione dei servizi alla cittadinanza attraverso la propria società in house (con risparmio di costi rispetto agli operatori del libero mercato legati a scopi di lucro) e dall?altro allapartecipata il raggiungimento dell?equilibrio di bilancio tra costi di gestione e ricavi per servizi il cui efficiente espletamento potrà esser garantito con l?impiego corretto dell?attuale organico aziendale costituito da circa 175 unità, pronte a favorirela flessibilità interna attraverso un?adeguata applicazione del Cccnl Unico Multiservizi. (Francesco Arigliano)

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Multiservizi: "Iniziative deprecabili e privilegi"

BrindisiReport è in caricamento