rotate-mobile
Cronaca

Musica fino a notte fonda: denunciato il titolare del pub "Old School"

BRINDISI – Musica ad alto volume fino a notte fonda. Di questo, almeno, si lamentavano i residenti della zona, che hanno chiesto l’intervento delle forze dell’ordine per far finire il baccano, vista l’ora tarda. Così gli agenti della sezione Volanti sono giunti in via Casimiro, pieno centro storico, alle spalle del Municipio, e sono entrati nel locale Old School per porre fine al frastuono. Non senza, però, la mano pesante delle sanzioni previste per chi esagera con la “movida” notturna.

BRINDISI - Musica ad alto volume fino a notte fonda. Di questo, almeno, si lamentavano i residenti della zona, che hanno chiesto l'intervento delle forze dell'ordine per far finire il baccano, vista l'ora tarda. Così gli agenti della sezione Volanti sono giunti in via Casimiro, pieno centro storico, alle spalle del Municipio, e sono entrati nel locale Old School per porre fine al frastuono. Non senza, però, la mano pesante delle sanzioni previste per chi esagera con la "movida" notturna.

L'intervento degli agenti di polizia si sarebbe reso necessario dopo le numerosissime telefonate al 113. "Fateli smettere, c'è gente che dorme", "Domani dobbiamo andare a lavorare", erano in sintesi le proteste che arrivavano dall'altro capo della cornetta al centralino.

Così gli agenti della Volanti, coordinati dal dirigente Alberto D'Alessandro, e d'intesa con personale della Divisione Polizia Amministrativa della Questura, si sono portate presso il noto pub attorno alle 2. Il baccano giungeva dalla musica ad alto volume trasmessa all'interno del locale, ed è stato proprio con l'arrivo dei poliziotti, che la situazione si è fatta più accettabile.

Di fatto, però, essendo stata accertata una violazione rispetto alle norme previste, i poliziotti hanno dovuto procedere con le sanzioni: il gestore dell'esercizio è stato denunciato all'Autorità Giudiziaria per disturbo della quiete pubblica. Contestualmente la Divisione Polizia Amministrativa procederà alle relative contestazioni amministrative conseguenti agli accertamenti effettuati.

E' stata un'estate non proprio tranquilla per il locale situato a pochi passi da Palazzo di Città: prima la polemica partita proprio dal Comune, e che ha visto l'attivarsi della polizia municipale, per quanto riguarda l'utilizzo di sedie vecchie e di fortuna che in qualche maniera danneggiavano l'immagine del centro storico. Poi, anche l'irruzione dei vandali. Accadde lo scorso 12 luglio, quando ignoti distrussero la vetrata per forzare solo gli sportelli delle slot machine, prelevando tutte le monetine. I ladri, però, non riuscirono a rompere un'altra macchinetta, quella utilizzata per il cambio banconote-monete, e andarono via prima dell'arrivo delle forze dell'ordine.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Musica fino a notte fonda: denunciato il titolare del pub "Old School"

BrindisiReport è in caricamento