rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Cronaca Ostuni

Da Napoli a Ostuni per minacciare il titolare di una pizzeria

Finisce in carcere un napoletano di 30 anni calato a Ostuni per ottenere con minacce l’estinzione di un prestito da parte dei titolari di una pizzeria del centro storico, di cui egli si era fatto garante

OSTUNI – Finisce in carcere un napoletano di 30 anni calato a Ostuni per ottenere con minacce l’estinzione di un prestito da parte dei titolari di una pizzeria del centro storico, di cui egli si era fatto garante. I poliziotti del commissariato locale lo hanno arrestato infatti per tentata estorsione aggravata ed altro, su segnalazione del fatto da parte delle vittime.

POSILLIPO Roberto nato a Mugnano di Napoli (NA) il 20.07.1987-2Roberto Posillipo, così si chiama il soggetto bloccato in flagranza di reato, era giunto appositamente da Napoli per sistemare la faccenda a modo suo, spiega la polizia. Non solo telefonate pressanti, ma anche “visite” nella pizzeria durante cui avrebbe espresso platealmente – anche in presenza di clienti – la sua richiesta.

L’ultima di queste apparizioni è avvenuta sabato scorso, nella tarda mattinata, quando Posillipo – già noto alle forze dell’ordine per vari trascorsi – si è ripresentato nel locale trovandovi però solo un dipendente, anche questi originario del napoletano, al quale rinnovava il pesante messaggio per i titolari: o si impegnavano a saldare il prestito entro la fine di agosto, oppure sarebbero andate a fuoco pizzeria, auto, e alla fine qualcuno ci avrebbe anche rimesso la pelle.

Avvertimento accompagnate dall’apparizione di una pistola e di un piccolo coltello multilama, con cui Roberto Posillipo ha inscenato una esplicita minaccia, portando la canna dell’arma alla bocca e la lama del coltello alla gola. Poi ha detto che si sarebbe recato in piazza della Libertà per attendere il proprietario della pizzeria.

Il giovane affrontato da Posillipo, che aveva anche provato a calmare il personaggio ormai molto agitato, appena questi si è allontanato ha avvertito la moglie del titolare, la quale ha deciso che la situazione ormai era troppo grave, e di informarne pertanto la polizia. Raccontata la vicenda in commissariato, una pattuglia si è recata in piazza della Libertà dove Roberto Posillipo è stato quasi subito individuato.

coltello roberto posillipo-2

Bloccato l’uomo, gli agenti lo hanno perquisito sul posto trovandogli addosso sia la pistola, rivelatasi una scacciacani priva però del tappo rosso, e il coltello multilama. Su decisione del magistrato di turno alla procura, il pm Milto De Nozza, Roberto Posillipo è stato trasferito nel carcere di via Appia a Brindisi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Napoli a Ostuni per minacciare il titolare di una pizzeria

BrindisiReport è in caricamento