Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca

Naufragio di S.Sabina, ricerche sospese

SANTA SABINA - Ricerche cessate stamani nel luogo del naufragio di sabato sera dello sloop "Gloria", carico di immigrati provenienti da vari Paesi dell'Asia centrale. Il bilancio dei morti resta dunque fermo a tre, e domani saranno eseguiti gli esami autoptici da parte dell'anatomopatologo designato dalla procura di Brindisi. Il caso viene seguito, oltre che dal pm di turno Miriam Iacoviello, direttamente anche dal procuratore capo Marco Dinapoli. Si tratta di stabilire se le tre vittime siano perite solo a causa delle lesioni riportate nella fase in cui la barca a vela si è incagliata in una delle insenature rocciose di Santa Sabina, o per annegamento, con il mare in tempesta, oppure se vi siano tracce di violenze di altro genere, perchè non bisogna dimenticare che varie testimonianze parlano di minacce armate agli immigrati da parte degli scafisti. Infine, bisognerà vertificare se uno dei tre corpi può essere quello di uno dei membri dell'equipaggio della barca a vela, che batteva bandiera Usa.

SANTA SABINA - Ricerche cessate stamani nel luogo del naufragio di sabato sera dello sloop "Gloria", carico di immigrati provenienti da vari Paesi dell'Asia centrale. Il bilancio dei morti resta dunque fermo a tre, e domani saranno eseguiti gli esami autoptici da parte dell'anatomopatologo designato dalla procura di Brindisi. Il caso viene seguito, oltre che dal pm di turno Miriam Iacoviello, direttamente anche dal procuratore capo Marco Dinapoli. Si tratta di stabilire se le tre vittime siano perite solo a causa delle lesioni riportate nella fase in cui la barca a vela si è incagliata in una delle insenature rocciose di Santa Sabina, o per annegamento, con il mare in tempesta, oppure se vi siano tracce di violenze di altro genere, perchè non bisogna dimenticare che varie testimonianze parlano di minacce armate agli immigrati da parte degli scafisti. Infine, bisognerà vertificare se uno dei tre corpi può essere quello di uno dei membri dell'equipaggio della barca a vela, che batteva bandiera Usa.

Sul luogo del naufragio, stamani alle 8,30 solo gabbiani e nugoli di storni. Il mare aveva riacquistato trasparenza. Della tragedia di sabato sera solo poche tracce. Sugli scogli un grosso pacco di gallette di marca spagnola, inzuppate di acqua marina, e in mare rottami galleggianti radunati dalla risacca al centro dell'insenatura dove lo sloop si è schiantato sabato. Dei circa 70-72 uomini a bordo (secondo le varie ricostruzioni), 43 sono stati soccorsi, le vittime sono tre, mentre si presume che gli altri siano riusciti ad allontanarsi prima dio essere fermati dalle numerose pattuglie accorse in zona.

Riguardo l'equipaggio della barca, oltre ad almeno due uomini incaricati del governo della stessa imbarcazione, probabilmente cittadini dell'Est europeo, si pensa vi fosse almeno un uomo dell'organizzazione criminosa che accompagnava il gruppo sino a destinazione, e in questo caso potrebbe trattarsi di un turco o di un curdo. La procura di Brindisi procede contro ignoti per reati che vanno dal naufragio al traffico di clandestini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Naufragio di S.Sabina, ricerche sospese

BrindisiReport è in caricamento