Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Negroamaro wine festival, che la festa abbia inizio: 150 stand di prelibatezze

Via, si parte. Calici in una mano e qualche specialità fritta nell'altra Brindisi accoglie la quinta edizione del Negroamaro Wine Festival, saranno cinque giorni tra gustare buon vino, mangiare, ascoltare musica, fare amicizia e, perché no, lasciarsi andare a qualche critica

BRINDISI - Via, si parte. Calici in una mano e qualche specialità fritta nell’altra Brindisi accoglie la quinta edizione del Negroamaro Wine Festival, saranno cinque giorni tra gustare buon vino, mangiare, ascoltare musica, fare amicizia e, perché no, lasciarsi andare a qualche critica.

Fino ad oggi però l’organizzazione dell’evento pare abbia lavorato bene, tutti gli spazi stand sono stati venduti, la locazione di alcuni è stata cambiata, in meglio, rispetto allo scorso anno e tutti o quasi i gruppi musicali hanno potuto fare il sound check sui palchi allestiti tra piazza Mercato e piazza Duomo. Ci si aspetta l’arrivo di 300mila visitatori, queste le previsioni degli organizzatori, mentre i 150 espositori sono già tutti in città e pronti a soddisfare qualunque desiderio, enogastronomico sia chiaro, degli avventori. In città già si respira quell’aria di festa ed interazione che continuerà fino al 9 giugno, quando a raccogliere il testimone sarà la trentesima Regata Internazionale Brindisi-Corfù, altro evento che rende questo mese decisamente importante per le velleità brindisine di città turistica.negroamaro2-2

Sempre variegata la scelta di cibi e bevande tra gli stand, molti anche gli espositori che si affacciano per la prima volta al Negroamaro Wine Festival come “Perla di Calabria”, azienda di Rossano Calabro che ha nella preparazione dei liquori con prodotti tipici del territorio il suo cavallo di battaglia, nella piazzetta antistante il teatro Verdi  invece ci sarà “Triticum”, dove si potranno assaggiare prelibatezze, tutte locali, preparate sul momento sia a cena che a pranzo. Oppure “Mr Cake” che in piazza Matteotti offrirà alla propria clientela prodotti di pasticceria con materie di prima qualità e semplici: cereali biologici, farine non raffinate e dolci da leccarsi i baffi. Quest’anno ci sarà anche una grossa scelta di birre artigianali, con espositori da tutta Italia dalla birra vesuviana a quella “made in Roma”. 

Un altro punto di forza di questa manifestazione è lo spazio dato alla musica, nelle passate edizioni sono stati organizzati concerti con artisti, nazionali ed internazionali, che hanno abbracciato differenti generi musicali, dal jazz al rock, passando al soul, alla disco ed al revival. Questa edizione ha pensato di dedicare alla musica un evento tutto suo, un festival nel festival che vede salire sui diversi palchi artisti del calibro degli Incognito (gruppo britannico creatori dell’acid jazz, si esibiranno a piazza Duomo il 9 giugno alle 21.00), dei Matt Bianco (band pop inglese, anche per loro concerto a piazza Duomo alle ore 21.00, 8 giugno) e degli Imagination (gruppo soul degli anni ottanta che salirà sul palco allestito a piazza Mercato il 6 giugno alle ore 01.00).

Il tempo dei preparativi è terminato, tra bicchieri di vino brindisino, porchetta d’Ariccia e dolci nipponici è tempo di partecipare al più grande evento enogastronomico del Sud Italia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Negroamaro wine festival, che la festa abbia inizio: 150 stand di prelibatezze

BrindisiReport è in caricamento