Cronaca

Nel 2100 finiremo sott'acqua: diventa virale la mappa di un digital artist

Sta diventando virale sui social la cartina dell'Italia semisommersa per effetto delle mutazioni climatiche. L'ha disegnata il grafico digitale Jay Simons (il quale ovviamente la vende in formato poster se a qualcuno servisse un promemoria sugli effetti degli abusi delle emissioni di CO2). Brutte notizie per la Puglia

La cartina è del grafico Jay Simons

Sta diventando virale sui social la cartina dell'Italia semisommersa per effetto delle mutazioni climatiche. L'ha disegnata il grafico digitale Jay Simons (il quale ovviamente la vende in formato poster se a qualcuno servisse un promemoria sugli effetti degli abusi delle emissioni di CO2). Brutte notizie per la Puglia, secondo le proiezioni grafiche dell'artista, che applica un modello secondo cui nel luglio del 2100 il livello di alcuni mari del Mediterraneo sarà più alto di cento metri rispetto al livello del 2000. Il Sud Salento diventa un arcipelago la cui isola maggiore sarà la zona del Capo di Leuca.

Il Gargano diventa la maggiore delle isole italiane dopo Sardegna e Sicilia. Foggia, Bari e Lecce addio per sempre, e anche Brindisi finirà di soffrire assieme a metà della sua provincia e a metà del Salento: potrebbe restare fuori dal livello del mare, però, un buon tratto dellla ciminiera di Cerano, che misura 200 metri, assieme alla zona della collina e alla Valle d'Itria. Si salverà per un pelo Taranto, sempre secondo Jay Simons. Gli scandinavi non verranno più in crociera in Adriatico, tanto la costa avrà più fiordi della Scandinavia quindi perderà il suo fascino originario. C'è da crederci? Se non cambiano le cose e non si arresta il riscaldamento del pianeta in questo secolo alla soglia fissata alla Conferenza di Parigi, vale a dire 2 gradi, il rischio di una progressiva sommersione delle coste più basse è reale.

L'Italia nel 2100-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel 2100 finiremo sott'acqua: diventa virale la mappa di un digital artist

BrindisiReport è in caricamento