rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Cronaca Ostuni

Nella discarica abusiva spunta anche la Ferrari "geneticamente modificata"

OSTUNI - La rottamazione? Abusiva e tra gli ulivi secolari. Non solo rifiuti speciali e pericolosi nel cuore della campagna di Ostuni. Le fiamme gialle, infatti, hanno scoperto un’area adibita abusivamente a discarica di auto in disuso. Sotto il cielo, lo scheletro di vecchie e sgangherate autovetture, abbandonate in aperta campagna insieme ad un indecente cumulo di materiale di scarto. E tra l’immondizia, sebbene ben custodita e coperta con un telo, anche una Ferrari F40: modello rigorosamente taroccato, con tanto di alettone montato sulla scocca, rifatta e ridisegnata, di quattro ruote sportive ben più economiche: di fatto una Toyota ma all’apparenza un bolide di Maranello.

OSTUNI - La rottamazione? Abusiva e tra gli ulivi secolari. Non solo rifiuti speciali e pericolosi nel cuore della campagna di Ostuni. Le fiamme gialle, infatti, hanno scoperto un'area adibita abusivamente a discarica di auto in disuso. Sotto il cielo, lo scheletro di vecchie e sgangherate autovetture, abbandonate in aperta campagna insieme ad un indecente cumulo di materiale di scarto. E tra l'immondizia, sebbene ben custodita e coperta con un telo, anche una Ferrari F40: modello rigorosamente taroccato, con tanto di alettone montato sulla scocca, rifatta e ridisegnata, di quattro ruote sportive ben più economiche: di fatto una Toyota ma all'apparenza un bolide di Maranello.

Il proprietario dell'autovettura (ostunese, di 42 anni) è stato denunciato per il reato di contraffazione. Il titolare del terreno (anch'egli ostunese, di 44 anni) è stato invece deferito all'autorità giudiziaria per inquinamento ambientale. Il tutto è emerso all'interno di un podere di circa 2000 metri quadri, adibito abusivamente a discarica. Alla luce degli elementi emersi, le indagini appaiono destinate a produrre ulteriori sviluppi. A scoprire il sito sono stati i militari della Compagnia della Guardia di finanza di Ostuni, che sulla scorta di opportuni controlli ed indagini, hanno eseguito e portato a termine una significativa operazione di servizio in materia di tutela ambientale.

Giunti sul posto i baschi verdi, coordinati dal capitano Antonio Martina (neo comandante della Compagnia delle fiamme gialle di Ostuni) si sono trovati dinanzi un autentico immondezzaio, tale da imporre l'immediato sequestro del terreno: una vasta area, in contrada Donnagnora (lungo la strada provinciale Ostuni-Francavilla Fontana) all'interno della quale vi era depositato davvero di tutto.

A deturpare l'ambiente circostante, rappresentando un serio pericolo sotto il profilo igienico e sanitario, c'erano innanzitutto tonnellate di rifiuti speciali e pericolosi: vecchi pneumatici, pezzi di motori, scocche di elettrodomestici ed un cumulo di materiale edile di risulta. E poi la sorpresa: insieme ad alcune vecchie autovetture, destinate alla rottamazione e stoccate anch'esse abusivamente, è spuntata la finta Ferrari.

Indagini sono tuttora in corso per fare luce sulla provenienza dei rifiuti scaricati abusivamente e per fare chiarezza sulla posizione del proprietario del terreno. Discorso a parte e tutto da approfondire, quello relativo al ritrovamento del "cavallino rampante". Gli inquirenti intendono infatti appurare la ragione per la quale quelle quattro ruote fossero state custodite all'interno del podere.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nella discarica abusiva spunta anche la Ferrari "geneticamente modificata"

BrindisiReport è in caricamento