Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

Niente corsi serali a Brindisi: 21 studenti costretti a spostarsi in provincia

Sono circa 21 gli studenti del corso serale dell’Istituto Professionale per i Servizi Commerciali “Carlo De Marco” che, dopo aver superato con successo il primo e secondo anno di corso, si ritrovano impossibilitati a frequentare i successivi anni. Una situazione incresciosa che vede questi giovani studenti alle prese con la labirintica burocrazia del sistema scolastico italiano

BRINDISI - Sono circa 21 gli studenti del corso serale dell’Istituto Professionale per i Servizi Commerciali “Carlo De Marco” che, dopo aver superato con successo il primo e secondo anno di corso, si ritrovano impossibilitati a frequentare i successivi anni. Una situazione incresciosa che vede questi giovani studenti alle prese con la labirintica burocrazia del sistema scolastico italiano.

“Abbiamo studiato e superato positivamente i corsi serali avanzati per il primo e secondo anno - dichiara a BrindisiReport.it Roberta Brigante, una delle studentesse a “rischio” - adesso però dal Provveditorato agli studi ci fanno sapere che per noi non sarà possibile frequentare i corsi successivi, quelli del terzo e quarto anno. Ci hanno comunicato che non avendo istituito i corsi del primo e secondo anno non possono, per legge, organizzare quelli per il terzo e quarto”.

“È vero - continua la studentessa - in teoria dovrebbe essere così, ma la legge a cui fa riferimento il Provveditorato non riguarda i corsi serali. Anche i professori sono dalla nostra parte, alla fine però, a pochi giorni dall’inizio delle lezioni ci ritroviamo senza una classe che ci possa accogliere”.
A detta della studentessa sono in molti ad essersi resi conto dello sbaglio, ma nessuno vuole fare un passo indietro e 21 ragazzi si ritrovano, l’11 settembre, a non poter frequentare la classe per la quale sono stati ritenuti idonei.

“Ci hanno detto di andare a San Pietro Vernotico, lì c’è una scuola che ha già allestito un corso per il terzo e quarto anno per Istituti Professionali, ma noi abbiamo tutto il diritto di poter frequentare i corsi serali a Brindisi. Di solito sono gli studenti della provincia che si spostano nel capoluogo e non viceversa” - aggiunge la giovane.

I 21 studenti hanno organizzato una protesta davanti alla sede del Provveditorato di Brindisi, in via Dalmazia, per gridare le loro ragioni e provare a cambiare la situazione.

“Martedì ci ritroveremo sotto gli uffici del Provveditorato, non ce ne andremo finché non ci daranno una risposta, vieto che fino ad oggi abbiamo ricevuto più silenzi che altro” - conclude Roberta, alle prese, insieme ai suoi compagni, col sacrosanto diritto allo studio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Niente corsi serali a Brindisi: 21 studenti costretti a spostarsi in provincia

BrindisiReport è in caricamento