menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Io non ho paura

Io non ho paura

No al crimine, ancora un grande corteo

BRINDISI – Erano in quattromila questa mattina alla manifestazione conclusiva dei venti giorni di iniziative di “Brindisi, capitale dell’antimafia”. In testa al corteo, oltre al sindaco Mimmo Consales e al procuratore capo Marco Dinapoli, c’erano Franco La Torre il figlio di Pio Latorre, Nando Dalla Chiesa, figlio del generale Carlo Alberto dalla Chiesa, e Massimo Bassi, il padre di melissa, la 16enne rimasta uccisa nell’attentato del 19 maggio scorso davanti all’istituto professionale brindisino Morvillo Falcone.

BRINDISI - Erano in quattromila questa mattina alla manifestazione conclusiva dei venti giorni di iniziative di "Brindisi, capitale dell'antimafia". In testa al corteo, oltre al sindaco Mimmo Consales e al procuratore capo Marco Dinapoli, c'erano Franco La Torre il figlio di Pio Latorre, Nando Dalla Chiesa, figlio del generale Carlo Alberto dalla Chiesa, e Massimo Bassi, il padre di melissa, la 16enne rimasta uccisa nell'attentato del 19 maggio scorso davanti all'istituto professionale brindisino Morvillo Falcone.

Hanno risposto in massa le scuole della città i ragazzi che non hanno dimenticato l'impegno assunto in quei drammatici giorni di maggio. "Io non ho paura". Eccoli di

Il corteo è partito dal Tribunale, e si è concluso in piazza Vittoria, quella stessa della grande risposta della città all'infame attentato del 19 maggio. Qui ha parlato anche Massimo Bassi, tra gli applausi scroscianti dei giovani: "Il sacrificio di mia figlia è per tutti voi", ha detto.

Sul palco si sono alternati Raffaella Argentieri per il comitato organizzatore, il sindaco Consales, l'assessore provinciale alla Cultura, Isabella Lettori, il procuratore Dinapoli, Nando dalla Chiesa e Franco Latorre, e quattro giovani della vastissima rappresentanza studentesca invitati a parlare dagli organizzatore per un breve messaggio (tra questi, Gabriele Gazzaneo dell'Uds di Brindisi).

Il Comune di Mesagne, città di Melissa e di cinque delle ragazze ferite nell'esplosione davanti alla Morvillo falcone, era rappresentato dal presidente del consiglio comunale Fernando Orsini. Nel corteo e in piazza molti anche gli insegnanti, con i ragazzi dietro gli striscioni dei loro istituti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento