menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Nomina del dirigente dell'Ambito Brindisi/1, esposto in Procura"

I consiglieri comunali del M5S, Alparone e Giglio: "E' illegittima rispetto a quanto previsto dalla norma e dalle successive pronunce della Corte Costituzionale che prescrivono una selezione pubblica per la copertura di posti di organico tramite contratti a tempo determinato"

BRINDISI  - "Manca una selezione pubblica per la nomina del responsabile dell'Ufficio di Piano dell'Ambito Brindisi 1 e per questo ci sono profili di illeggittimità sui quali chiediamo che si pronunci la Procura": i consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle, Stefano Alparone ed Elena Giglio, hanno presentato un esposto alla magistratura, allegando le disposizioni di legge vigenti in materie e le ultime pronunce della Corte Costituzionale.

Stefano Alparone ed Elena Giglio-4

"Nell’ambito della ricognizione che stiamo portando avanti sugli atti prodotti da questa Amministrazione – affermano i 5 stelle – esercitando la funzione tipica del Consigliere, abbiamo segnalato quanto riscontrato perché riteniamo possa configurarsi come un atto illegittimo. Abbiamo evidenziato il differente metro di valutazione portato avanti per questa nomina sia dalla passata Amministrazione sia dall’attuale, rispetto a quella adottata dal commissario Castelli, il quale nel verbale di coordinamento istituzionale del 18 febbraio 2016, dovendo disporre la nomina a seguito dello scioglimento anticipato del Consiglio, afferma: “Tale incarico deve tener conto, prioritariamente, delle vigenti disposizioni in materia per cui occorre riferirsi a Dirigenti a tempo indeterminato ovvero, stante la carenza di Dirigenti a tempo indeterminato, a soggetti investiti di funzioni dirigenziali che abbiano però superato procedure selettive pubbliche”.

"Si prescrive una selezione pubblica per provvedere alla copertura di posti di organico tramite contratti a tempo determinato. Concetto ribadito ed ampliato anche dal regolamento sull’ordinamento degli uffici e dei servizi del Comune di Brindisi che, all’articolo 20 comma 2 recita: “L'individuazione del contraente è operata mediante selezione pubblica intesa all’accertamento della comprovata esperienza pluriennale e della specifica professionalità nelle materie oggetto dell’incarico in capo ai soggetti interessati. Per il personale dipendente dell’Ente in posizione funzionale prevista per l’accesso alla dirigenza (Cat. “D”), l’avviso pubblico dovrà prevedere, con apposito punteggio, adeguata valorizzazione dell’esperienza professionale maturata all’interno dell’Ente”.

"Su questa posizione si sono anche espressa la Corte Costituzionale in varie sentenze, il Consiglio di Stato e il Piano Nazionale Anticorruzione", aggiungono Alparone e Giglio. Il nostro è un atto dovuto nell’esercizio delle nostre funzioni e nel merito non esprimiamo giudizi che, naturalmente, spettano agli organi preposti. Per opportuna conoscenza abbiamo inviato l’esposto anche alla Corte dei Conti in quanto, qualora si dovessero riscontrare profili di illegittimità si configurerebbe anche un danno erariale per l’Ente".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

E' Anna Lucia Matarrelli la nuova comandante della polizia locale

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Inseguimento e schianto contro una casa: fermati due uomini

  • Incidenti stradali

    Con la moto contro un auto, 17enne muore dopo una settimana in coma

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento