Cronaca

“Non siamo stati noi a rubare i profumi alla Coin”: rimessi in libertà

Udienza di convalida e processo per direttissima per Majra Altavilla, 22 anni, e Antonio Pizzolla, 20, finiti ai domiciliari sabato. La ragazza accusata anche di resistenza a pubblico ufficiale. Fermati all'uscita del grande magazzino di Lecce assieme a due minorenni la cui posizione è stata stralciata

BRINDISI – “Non siamo stati noi a rubare quei profumi alla Coin, non c’entriamo niente con questa storia: a Lecce siamo andati solo a fare una passeggiata”: sono stati rimessi in libertà di due brindisini finiti ai domiciliari, sabato scorso con l’accusa di furto aggravato, assieme a ragazzi non ancora maggiorenni, la cui posizione è stata stralciata essendo di competenza della Procura per i minori.

Majra Altavilla, 22 anni, e Antonio Pizzolla, 20, sono stati interrogati questa mattina dal giudice del Tribunale di Brindisi, Silvia Saracino, davanti al quale si è svolta l’udienza di convalida con processo per direttissima, come chiesto dal pubblico ministero Francesca Miglietta che ha trasmesso gli atti a stretto giro.

Altavilla è difesa dall’avvocato Mauro Durante ed era accusata anche di resistenza a pubblico ufficiale: nei suoi confronti è stato disposto l’obbligo di firma.  Pizzolla è assistito dall’avvocato Mario Bellini e nei suoi confronti non è stata applicata alcuna misura. Il pm aveva chiesto per entrambi la custodia cautelare degli arresti domiciliari.

I due maggiorenni si sono professati assolutamente estranei ai fatti. Hanno ammesso di conoscere i due minorenni e di essere andati a Lecce assieme a loro, ma hanno precisato di essersi divisi una volta arrivati. Gli avvocati hanno chiesto termini a difesa per avere la possibilità di chiedere rito abbreviati.

Secondo l’accusa, la trasferta nella vicina Lecce sarebbe stata ideata dalla ragazza: il gruppo sarebbe riuscito a nascondere flaconcini di profumi del valore di 942 euro.

I ragazzi sono stati notati dal personale di vigilanza interno alla Coin di piazza Mazzini che ha poi chiamato gli agenti delle Volanti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Non siamo stati noi a rubare i profumi alla Coin”: rimessi in libertà

BrindisiReport è in caricamento