menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il centro commerciale Conforama di Fasano

Il centro commerciale Conforama di Fasano

Norme anti-ludopatia: sequestro macchinette

FASANO – Erogavano premi di valore commerciale superiore venti volte al costo della giocata, creando quindi le condizioni tipiche del “gioco d'azzardo”: è per questo che martedì scorso due apparecchi da gioco denominati “pesca di abilità” sono stati sequestrati.

FASANO - Erogavano premi di valore commerciale superiore venti volte al costo della giocata, creando quindi le condizioni tipiche del "gioco d'azzardo": è per questo che martedì scorso due apparecchi da gioco denominati "pesca di abilità" sono stati sequestrati dai militari della compagnia della Guardia di Finanza di Fasano. Il gestore è stato multato con una sanzione amministrativa di 8000 euro (4mila a macchina) e segnalato all'agenzia delle Dogane e dei monopoli.

Erano installati nel centro commerciale Conforama di Fasano. Il controllo delle Fiamme gialle, dirette dal capitano Biagio Palmieri, è scattato nell'ambito di un preordinato servizio di contrasto del nuovo e sempre più dilagante fenomeno sociale della ludopatia (incapacità di resistere all'impulso di giocare d'azzardo o fare scommesse, nonostante la consapevolezza questo comportamento può portare a gravi conseguenze), introdotta, di recente dal Ministero della Salute nei Livelli essenziali di assistenza (Lea), con riferimento alle prestazioni di prevenzione, cura e riabilitazione rivolte alle persone affette da questa patologia.

Le due macchinette sequestrate dai finanzieri fasanesi davano la possibilità di "pescare" navigatori "Tom tom xl", Play station Sony e Nintendo Ds, oltre che telefoni cellulari, al costo di un euro. Stimolando, quindi, al gioco. Per questo è scattato il sequestro.

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento