Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Nubile licenzia un lavoratore precario. Cobas: "L'Oga rescinda il contratto"

Il sindacato Cobas chiede la rescissione del contratto che lega i Comuni dell'Oga (Organo di governo d'ambito) alla ditta Nubile. Lo fa attraverso un comunicato stampa in cui annuncia che non è stato rinnovato il rapporto di lavoro ("è stato mandato a casa come un cane rognoso") con un lavoratore precario impiegato nell'impianto di Cdr situato sulla strada per Pandi

BRINDISI – Il sindacato Cobas chiede la rescissione del contratto che lega i Comuni dell’Oga (Organo di governo d’ambito) alla ditta Nubile. Lo fa attraverso un comunicato stampa in cui annuncia che non è stato rinnovato il rapporto di lavoro (“è stato mandato a casa come un cane rognoso”) con un lavoratore precario impiegato nell’impianto di Cdr situato sulla strada per Pandi. E da quanto riferito dal segretario provinciale dell’organizzazione sindacale, Roberto Aprile, la stessa sorte toccherà agli altri dipendenti con contratto a tempo determinato.

Tutto questo contraddice l’impegno a mantenere i livelli occupazionali che era stato assunto poche settimane fa, da quanto si legge nella nota sindacale, dai rappresentanti di Nubile, durante un incontro con il prefetto Nicola Prete. I lavoratori precari, infatti, “servivano per poter mandare avanti l’impianto perché obsoleto”. La decisione di lasciare senza lavoro un dipendente precario viene quindi definita da Roberto Aprile “una grande provocazione che deve trovare una ferma e decisa risposta nei palazzi del Comune  e della prefettura”.

Il sindacato ricorda come nel corso dell’incontro in prefettura di cui prima, la ditta Nubile, appaltatrice del servizio di trasporto e smaltimento dei rifiuti Roberto Aprilesolidi urbani per conto dell’Oga, “affermò che i problemi che avevano portato a bloccare le attività lavorative dei precari erano legate al pagamento degli arretrati dei comuni della Provincia, alcuni dei quali  avevano accumulato grandi ritardi”.

Ma questa motivazione non regge, agli occhi del sindacato Cobas. Per questo, Aprile, nel ribadire l’intenzione di non prestarsi a strumentalizzazioni da parte dell’azienda,  “invita il  Sindaco di Brindisi, Mimmo Consales, in quanto presidente dell’Oga, organismo che raccoglie sul tema dei rifiuti i 20sindaci della provincia di Brindisi, a rescindere il contratto con la ditta Nubile. Rescissione di contratto che  l’Oga nel corso delle passate riunioni  ha già deciso di fare – si legge ancora nel comunicato - perché ritiene la ditta Nubile inadempiente su molti aspetti contrattuali”.

Roberto Aprile fa anche cenno a un’inchiesta giudiziaria (“che potrebbe avere risvolti clamorosi”) scaturita dal contenzioso giudiziario Nubile-Oga riguardante le tariffe per il servizio di smaltimento dei rifiuti e la gestione dell’impianto di Cdr e della discarica di Autigno

Il sindacato “chiederà nelle prossime ore un incontro urgente con il Sindaco di Brindisi, Mimmo Consales”. Chiederà inoltre “di togliere di mano l’impianto di Cdr alla ditta Nubile, la discarica diAutigno e di gestirli direttamente”. Il Cobas intende inoltre chiedere un nuovo incontro al prefetto Nicola Prete, “per informarlo di quello che sta succedendo affinché possa decidere la forma migliore di intervento così come ha fatto in passato”.

Lo stato di agitazione proclamato dai lavoratori, quindi, va avanti, e sfocerà in una nuova manifestazione davanti agli uffici della Nubile, 
“per chiedere il rispetto della dignità dei lavoratori e degli accordi”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nubile licenzia un lavoratore precario. Cobas: "L'Oga rescinda il contratto"

BrindisiReport è in caricamento