menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Libri e quaderni sull'asfalto dopo la bomba

Libri e quaderni sull'asfalto dopo la bomba

Nuova dirigente alla Morvillo

BRINDISI - E' Rosanna Maci, per quattro anni preside dell'Istituto tecnico commerciale "Marconi-Calò-Belluzzi", il nuovo dirigente scolastico dell'Istituto professionale per i servizi sociali "Morvillo Falcone", oggetto dell'attentato del 19 maggio scorso costato la vita alla studentessa 16enne Melissa Bassi e il ferimento di altre otto ragazze (cinque delle quali gravi ma ormnai tutte dimesse) e di un ragazzo.

BRINDISI - E' Rosanna Maci, per quattro anni preside dell'Istituto tecnico commerciale "Marconi-Calò-Belluzzi", il nuovo dirigente scolastico dell'Istituto professionale per i servizi sociali "Morvillo Falcone", oggetto dell'attentato del 19 maggio scorso costato la vita alla studentessa 16enne Melissa Bassi e il ferimento di altre otto ragazze (cinque delle quali gravi ma ormnai tutte dimesse) e di un ragazzo.

"E' un incarico impegnativo - ha dichiarato Rosanna Maci, leccese, all'Ansa - sto cominciando a prendere visione della situazione, a prendere i primi contatti. La Morvillo Falcone è una scuola dallo stato d'animo provato, il nostro proposito sarà quello di riportare la normalità lavorativa in una situazione difficile, sempre nel ricordo di Melissa Bassi, che non c'è più".

Sino al 31 agisto l'Ipsss Morvillo Falcone è affidato in reggenza al dirigente scolastico dell'Itis Majorana di Brindisi (che ha una succursale al primo piano dell'Istituto professionale), Salvatore Giuliano. Il dirigente scolastico del Morvillo al momento dell'attentato, fu prima sospeso, e poi più recentemente trasferito ad un istituto comprensivo a San Pancrazio Salentino.

Per l'attentato è in carcere, fermato dopo 18 giorni dall'esplosione dell'ordigno da egli stesso confezionato, il commerciante di carburanti agricoli di Copertino, Giovanni Vantaggiato. Reo confesso, si trova ora davanti alla confutazione del movente fornito agli inquirenti (una azione irrazionale per vendicarsi di una truffa subita): i retroscena dell'attentato infatti sono stati messi in discussione da un'altra persona che Vantaggiato tentò di uccidere sempre con una bomba il 24 febbraio 2008 a Torre Santa Susanna, Cosimo Parato. Gli inquirenti stanno cercando di scoprire anche quest'altro aspetto della vicenda ed eventuali complicità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Pareti "scorticate" a causa dell’umidità: "Ecco come viviamo e nessuno interviene"

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Crollo capannone: cantiere sotto sequestro, si indaga sulla dinamica

  • Attualità

    Polveri sottili in Puglia: nel Brindisino il record di superamenti

  • Incidenti stradali

    Tamponamento sulla superstrada: sul posto anche i vigili del fuoco

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento