Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Nuovi guai per "quello dell'uomo-tigre"

CELLINO SAN MARCO – Dopo che l'1 novembre scorso aveva rubato alcuni coltelli da un bar perchè doveva ammazzare l'uomo tigre e si era schiantato contro un albero con la sua Alfa 156 sulla San Pietro Cellino, rimediando una denuncia per furto e rifiuto di sottoporsi all'alcool test, il 51enne di Cellino San Marco, G.Z. di origini francesi, si è nuovamente reso protagonista di un episodio che gli ha procurato una seconda denuncia.

CELLINO SAN MARCO - Dopo che l'1 novembre scorso aveva rubato alcuni coltelli da un bar perchè doveva ammazzare l'uomo tigre e si era schiantato contro un albero con la sua Alfa 156 sulla San Pietro Cellino, rimediando una denuncia per furto e rifiuto di sottoporsi all'alcool test, il 51enne di Cellino San Marco, G.Z. di origini francesi, si è nuovamente reso protagonista di un episodio che gli ha procurato una seconda denuncia.

Questa volta per guida in stato di ebbrezza e sotto l'effetto di stupefacenti. I fatti, gli ultimi, risalgono alla serata del 7 novembre quando il 51enne si è recato in un locale di San Pietro, già ubriaco e drogato, creando confusione tra i clienti e poi mettendosi alla guida di un'auto.

Sulle sue tracce si sono messi, questa volta, i carabinieri della stazione di Cellino che dopo qualche giorno, dopo le relative indagini lo hanno denunciato. G.Z. Si trova ricoverato presso l'ospedale Melli di San Pietro Vernotico.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovi guai per "quello dell'uomo-tigre"

BrindisiReport è in caricamento