rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca Ostuni

Nuova perizia balistica inchioda il serial killer operaio

OSTUNI - Nuova udienza, presso la Corte di Assise di Milano, nel processo a carico del presunto serial killer ostunese Leonardo Tanzarella (76 anni). In aula ha testimoniato dinanzi ai giudici la signora Norma De Luca, vedova di Enrico Melena: il 36enne operaio della Montedison-Vedril di Rho, ucciso all’alba del 23 dicembre del 2004. L’anziano ostunese è l’unico imputato.

OSTUNI - Nuova udienza, presso la Corte di Assise di Milano, nel processo a carico del presunto serial killer ostunese Leonardo Tanzarella (76 anni). In aula ha testimoniato dinanzi ai giudici la signora Norma De Luca, vedova di Enrico Melena: il 36enne operaio della Montedison-Vedril di Rho, ucciso all'alba del 23 dicembre del 2004. L'anziano ostunese è l'unico imputato.

Da tre anni "il cegliese" è già rinchiuso presso il carcere di Bari. La Corte di Appello di Lecce il 13 gennaio scorso ha confermato a suo carico la sentenza di condanna a 14 anni di carcere (già emessa nell'ottobre del 2008 dal Tribunale di Brindisi) per il tentato omicidio di Concetta Andriola: la quarantanovenne bracciante ostunese, che il 7 febbraio del 2007 fu raggiunta alle spalle da un solo colpo di pistola, calibro 7.65, che le perforò il fegato. A salvarle la vita furono i medici dell'ospedale civile della Città bianca.

Il pensionato ostunese, fermato nelle ore successive all'agguato, confessò qualche giorno dopo. E qui la storia si intreccia clamorosamente con i misteriosi delitti in cerca di autore, consumati a Rho negli anni ottanta. Una perizia balistica avviata dalla polizia di Ostuni a seguito del gravissimo ferimento della signora Andriola, avrebbe stabilito che l'arma con cui Tanzarella nel 2007 ferì la coltivatrice diretta fu la stessa pistola che negli anni '80 seminò sangue a Rho.

Crimini maturati nel medesimo ambiente di lavoro, ossia tra i dipendenti della Montedison: dove lavorava Leonardo Tanzarella e dove lavoravano anche Giovanni Gioiosa (ferito a colpi di pistola il 16 marzo del 1983), Enrico Melena (ucciso a colpi di pistola il 23 dicembre 1984) e Michele Gatti (ferito gravemente il 29 novembre 1985).

Nel novembre del 2007, a seguito delle indagini della polizia di Ostuni, il clamoroso colpo di scena: la perizia balistica consentiva di stabilire, sulla base della comparazione dei bossoli, che l'arma con cui Tanzarella ferì Concetta Andriola è la stessa pistola "puntata contro" per uccidere nel 1983, nel 1984 e nel 1985, a Rho. Circostanza confermata in aula anche dal perito che effettuò negli anni ottanta i primi esami balistici.

L'accusa è rappresentata dal pm milanese Francesca Celle. La Corte è presieduta da Filippo Grisolia. Tanzarella (difeso dall'avvocato Mario Laveneziana) risulta imputato soltanto per l'omicidio di Giovanni Melena mentre il tentato omicidio degli altri tre operai, è ormai prescritto. I familiari della vittima, costituitisi parte civile attraverso l'avvocato Manuela Marcassoli, dopo 25 anni giustizia. Prossima udienza fissata per il 16 marzo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova perizia balistica inchioda il serial killer operaio

BrindisiReport è in caricamento