Rapina: banditi tra la gente nella galleria Le Colonne

In quattro, armati di fucile a canne mozze e mazza ferrata, hanno rapinato la gioielleria Oro Fino. In fuga su due scooter, uno abbandonato sui binari: linea Brindisi-Taranto interrotta

BRINDISI – Ancora una rapina in mezzo alla gente, nella galleria commerciale del centro Le Colonne, alle porte di Brindisi, e ancora una volta nel mirino una gioielleria. Oggi è toccata a “Oro Fino”. I banditi armati di fucile a canne mozze hanno utilizzato un grosso martello da lavoro (nelle foto sotto) per infrangere le teche dove erano custoditi i preziosi, e sono fuggiti a bordo di due scooter. Erano infatti quattro gli sconosciuti entrati in azione, ora braccati dai carabinieri.

gioelleria oro fino - scooter rapinatori (2)-2

Video: il ritrovamento dello scooter

Successivamente, uno dei gli scooter, un Honda Foresight, è stato abbandonato dagli autori dell'assalto alla gioielleria sui binari della linea ferroviaria Brindisi-Taranto, all'altezza della fermata dell'ospedale "Antonio Perrino", dove è stato individuato dalla polizia che partecipa alla caccia ai malviventi con personale delle Volanti e della Squadra Mobile. Servirà a rilevare eventuali indizi per l'identificazione degli autori del colpo. La linea ferroviaria è stata interrotta momentaneamente. Probabilmente i due banditi a bordo non sono riusciti a superare l'ostacolo mentre forse si dirigevano verso la zona del Cillarese.

gioelleria oro fino - le teche saccheggiate dai banditi 2-2

Sull’episodio, avvenuto attorno alle 14,45 stanno indagando i carabinieri della compagnia di Brindisi. l'azione dei rapinatori è durata pochissimo. Il colpo era stato pianificato: infatti sono state vuotate prima le teche dove c'erano oggetti in oro a 18 carati. Spalancati anche i cassetti sottostanti, dal lato occupato dalle commesse terrorizzate.

gioelleria oro fino - il martello usato dai banditi-2

Inizialmente, secondo le testimonianze, i banditi hanno lasciato l'area del centro commerciale Le Colonne imboccando la direzione di Mesagne, ma poi sono tornati indietro come dimostra il luogo dove è stato trovato uno degli scooter. Ciò rende gli investigatori pressoché certi che si tratti di elementi brindisini. Erano brindisini anche gli autori di precedenti, analoghi episodi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaventoso scontro fra due auto in Emilia: grave un giovane brindisino

  • "Impossibile garantire distanziamento sociale", Carrisiland rinuncia alla stagione 2020

  • Scontro fra due auto sulla provinciale: feriti un uomo e una donna

  • Appropriazione indebita: 31 auto sequestrate dalla polizia a Brindisi

  • Positivi al Melli: Rizzo chiede conto alla Asl e nel frattempo chiude attività e spiaggia libera

  • Quattro nuovi casi in Puglia, uno in provincia di Brindisi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento