menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La stazione carabinieri di Torchiarolo. Sotto, Daniele Serinelli e la cocaina sequestrata

La stazione carabinieri di Torchiarolo. Sotto, Daniele Serinelli e la cocaina sequestrata

Terzo arresto in quattro anni per uno spacciatore di coca

Un altro arresto nel giro dello spaccio di cocaina nella zona sud del Brindisino, dove Torchiarolo da anni svolge un ruolo importante, rifornendo un territorio a cavallo con la provincia di Lecce. Ma i carabinieri non mollano la presa

TORCHIAROLO - Un altro arresto nel giro dello spaccio di cocaina nella zona sud del Brindisino, dove Torchiarolo da anni svolge un ruolo importante, rifornendo un territorio a cavallo con la provincia di Lecce. Ma i carabinieri non mollano la presa, e ieri sono andati a segno scoprendo in un'abitazione del piccolo centro urbano circa due etti di sostanza stupefacente, e ammanettando il 31enne Daniele Serinelli.

SERINELLI Daniele, Classe 1985-2Il servizio è stato condotto dai militari della stazione locale dell'Arma, al comando del marescialIo Saverio Corianò, che si sono presentati a casa di Daniele Serinelli per effettuarvi una perquisizione antidroga. Alla fine, i carabinieri hanno trovato una scorta di 204 grammi di cocaina, ancora allo stato di pietrificazione. Serinelli è stato dichiarato in arresto per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio, e trasferito al carcere di via Appia a Brindisi.

Foto carabinieri con droga arresto Torchiarolo-2Per Daniele Serinelli, ex piastrellista, si tratta del terzo arresto in quattro anni, e sempre per rilevanti quantitativi di cocaina. In tutti e tre i casi gli investigatori hanno trovato la droga in casa dello spacciatore, anche se la prima volta, il 7 febbraio 2012, Serinelli fu bloccato da una pattuglia della Squadra mobile sulla tangenziale di Lecce, nei pressi dello svincolo per Giorgilorio (Surbo), mentre era in auto con la moglie ed aveva con sé 10 grammi di coca. Ma nella successiva perquizione domiciliare, i poliziotti della questura salentina trovarono altri 430 grammi di cocaina.

Un anno dopo circa, Serinelli era già agli arresti domiciliari, quando la sua abitazione fu sottoposta nuovamente a perquizione con l'ausilio di unità cinofile. Quella volta, il 27 aprile 2013, ad operare furono i carabinieri del Nucleo operativo provinciale di Brindisi, che trovarono ancora una rilevante quantità di coca: 192 grammi. Ma Daniele Serinelli non ha mai mollato la sua quota nel mercato dello spaccio della zona, e i carabinieri della stazione di Torchiarolo se ne erano resi conto, pianificando l'intervento che ieri ha portato lo spacciatore in carcere per la terza volta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

social

Festa della mamma: quando si festeggia e perché

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento