menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Doppia rapina con omicidio: arrestato anche il presunto autista della banda

In manette un 34enne di Conversano che avrebbe fornito supporto logistico ai banditi che il 23 gennaio rapinarono un dipendente della ditta Distante e successivamente un'automobilista. Uno dei malfattori morì in circostanze ancora da chiarire

FRANCAVILLA FONTANA – Ci sono nuovi sviluppi nelle indagini sulla doppia rapina culminata con l’omicidio di uno dei banditi che lo scorso 23 gennaio si verificò fra Francavilla Fontana e Villa Castelli. A distanza di settimane dall’arresto di due persone che avrebbero preso parte al colpo, uccidendo (in circostanze ancora da chiarire) il loro complice, è stato identificato e arrestato un quarto soggetto che avrebbe accompagnato i rapinatori a Francavilla e li avrebbe prelevati subito dopo l’omicidio. 

Si tratta del 34enne Rocco Murro, anche lui di Conversano (Bari), come la vittima, il 38enne Gaetano Fiorile, e i due sospettati di omicidio, il MURRO Rocco, classe 1983-223enne Roberto Fantasia e il 29enne Pasquale Giannoccaro. Murro è stato arrestato dai carabinieri del Norm della compagnia di Francavilla Fontana al comando del capitano Nicola Maggio e del tenente Roberto Rampino, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal gip del tribunale di Brindisi, Paola Liaci, su richiesta del Pm Daniela Iolandia Chimienti. Al barese viene contestata l'accusa di concorso in furto, rapina e porto abusivo di arma da fuoco. 

Il 34enne, da quanto appurato dagli investigatori, avrebbe fornito supporto logistico ai tre rapinatori, accompagnandoli con la propria autovettura. Fiorile, Giannoccaro e Fantasia erano in possesso di un fucile a canne mozze, guanti e passamontagna. La prima parte del piano avrebbe previsto il furto di un’auto da usare per commettere il delitto e proprio Murro avrebbe accompagnato i tre nei pressi del parcheggio, situato sulla Strada provinciale 28 Francavilla Fontana – Ostuni, da dove venne rubata la Ford Focus utilizzata nella rapina.

Nella seconda parte, i tre avrebbero agito da soli, rapinando un impiegato della ditta Distante che stava andando in banca a versare denaro, pero poi fuggire via. Ma qualcosa va storto e, nella fuga, dopo una seconda rapina ai danni di una domnna che viaggiava alla guida di una Peugeot 307 sulla strada provinciale Francavilla Fontana-Villa Castelli, Fiorile viene raggiunto da un colpo di fucile e nel giro di poche ore muore in ospedale. Nel frattempo torna in gioco Murro, che avrebbe prelevato e riaccompagnato a bordo della sua punto Giannoccaro e Fantasia. 

In sede di interrogatorio, Fantasia e Giannoccaro dissero di essere stati accompagnati a Francavilla da un amico di Fiorile di cui non conoscevano l'identità, a bordo di una FIat Punto. A partire da queste dichiarazioni, i carabinieri hanno effettuato una serie di approfonditi accertamenti sui tabulati telefonici, ricostruendo anche la rete di frequentazioni degli indagati. Dopo una paziente e accurata opera di tessitura, gli investigatori sono arrivati sulle tracce di Murro. 

Ma le indagini non finiscono qui. I Carabinieri del Norm intendono infatti chiarire alcuni punti oscuri della vicenda e verificare se vi sono basisti locali che abbiano fornito alla banda le indicazioni necessarie, tenuto conto del fatto che i quattro non sono del territorio.  Il sospetto, in particolare, è che la banda di Conversano sia stata aiutata da una persona di Francavilla Fontana che avrebbe fornito informazioni di vitale importanza per la preperazione di un colpo studiato nei minimi dettagli. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento