menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Occupa stallo per disabili con pass del fratello deceduto: incivile denunciato

La polizia locale ha individuato, per la seconda volta, un conducente che ha occupato abusivamente un posto per diversamente abili. Proseguono le verifiche sull'utilizzo dei contrassegni

BRINDISI – Ha occupato uno stallo per diversamente abili, utilizzando il contrassegno del fratello deceduto. Il furbetto (o incivile che dir si voglia) è stato smascherato dagli uomini della polizia locale di Brindisi diretti dal comandante Antonio Orefice, nell’ambito di un’attività di controllo su strada finalizzata alla verifica del corretto utilizzo del “contrassegno per il parcheggio degli invalidi” da parte dei titolari e dei conducenti di veicoli al servizio del disabile. 

Una pattuglia, per la seconda volta a distanza di pochi giorni, ha accertato che un conducente utilizzava per la sosta della propria autovettura uno stallo riservato al parcheggio dei disabili, esponendo il contrassegno del proprio fratello deceduto. Il contrassegno è stato ritirato dagli agenti operanti e il conducente del veicolo (A.O. le iniziali del suo nome) denunciato all’autorità giudiziaria per violazione dell’art.494 del codice penale, per sostituzione di persona, attribuendosi, nell’occasione, la qualità di accompagnatore di invalido per procurarsi un vantaggio.

Il comando di polizia locale ricorda che, per usufruire dei privilegi riservati dalla normativa in materia, il contrassegno deve essere esposto in maniera ben visibile sul parabrezza del veicolo e il titolare dello stesso deve essere a bordo. Inoltre viene rivolto l’invito a “tutti i possessori dei contrassegni invalidi, i cui intestatari sono già deceduti, a riconsegnare gli stessi presso il Settore Trasporto Urbano del Comune o, in alternativa, presso il Comando”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento