Cronaca

Officina abusiva nella zona industriale: scattano i sigilli

Era totalmente abusiva un’officina situata nella zona industriale di Brindisi che è stata posta sotto sequestro amministrativo dagli agenti della polizia stradale di Brindisi al comando del vicequestore Pasqualina Ciaccia

BRINDISI – Era totalmente abusiva un’officina situata nella zona industriale di Brindisi che è stata posta sotto sequestro amministrativo dagli agenti della polizia stradale di Brindisi al comando del vicequestore Pasqualina Ciaccia, nell’ambito di controlli ad attività di autoriparazione condotto dalla squadra di polizia giudiziaria. 
 
L’officina era stata organizzata all’interno di un capannone in cui si trovavano altre attività di riparazione autoveicoli. Il titolare, un 25enne di Sequestro officina-2Brindisi, da quanto appurato dalle forze dell’ordine esercitava l’attività in maniera del tutto illegale in quanto non aveva mai ricevuto le autorizzazioni.

Per questo motivo è stato segnalato agli organi amministrativi competenti, nonché sanzionato con provvedimenti amministrativi per circa 5mila euro, per mancanza della licenza. 

Sequestrate amministrativamente ai fini della confisca tutte le attrezzature e i beni strumentali allo svolgimento dell’attività non autorizzata: forno con relativa cabina di verniciatura, saldatrice, compressori ecc.. 

La Stradale sta inoltre verificando la provenienza di alcuni pezzi di ricambi auto rinvenuti nella disponibilità dell’attività abusiva

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Officina abusiva nella zona industriale: scattano i sigilli

BrindisiReport è in caricamento