menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La bara del piccolo Gabriele

La bara del piccolo Gabriele

Oggi i funerali del piccolo Gabriele

LATIANO - Si sono celebrati alle 15.30 di oggi i funerali del piccolo Gabriele Tauro di 6anni morto soffocato da un laccio da scarpa mentre giocava ad imitare il suo idolo della Marvel, Spiderman. L'incidente è avvenuto ieri pomeriggio nella casa doveva viveva con i genitori e il fratellino più grande. Tante le mamme che hanno atteso la piccola bara bianca fuori dalla chiesa Madonna della Greca a Latiano, insieme a parenti ed amici di papà Cosimo e mamma Lucia.

LATIANO - Si sono celebrati alle 15.30 di oggi i funerali del piccolo Gabriele Tauro di 6anni morto soffocato da un laccio da scarpa mentre giocava ad imitare il suo idolo della Marvel, Spiderman. L'incidente è avvenuto ieri pomeriggio nella casa doveva viveva con i genitori e il fratellino più grande. Tante le mamme che hanno atteso la piccola bara bianca fuori dalla chiesa Madonna della Greca a Latiano, insieme a parenti ed amici di papà Cosimo e mamma Lucia.

Una funicella sottile ricavata legando insieme più lacci di scarpe è stata fatale per Gabriele. Il fratellino più grande era a pochi metri da lui, a giocare con le automobiline, la mamma in cucina, nella stanza accanto. E' stato lo stesso fratello maggiore, di soli due anni e mezzo più grande, a raccontare agli investigatori di aver visto Gabriele salire sul divano, sistemarsi quella "ragnatela" improvvisata attorno al collo, e poi afferrarla anche con le mani lanciandosi verso la porta-finestra, dove ad una maniglia era assicurato l'altro capo. Il gioco è diventato una trappola mortale.

Voleva imitare l'Uomo Ragno e volare come il personaggio americano da un grattacielo all'altro e da una parete all'altra. Purtroppo però i giri del laccio intorno al collo non hanno lasciato scampo al piccolo Gabriele Tauro che è rimasto esanime appeso tra la porta e il divano. E' stato il fratello maggiore ad urlare e attirare l'attenzione di mamma Lucia. Quando il bambino è stato preso in braccio la sua fine era già arrivata.

Non è servito infatti l'arrivo tempestivo dei sanitari del 118 di Latiano che hanno tentato per un'ora di rianimare il bambino. Gli occhi di Gabriele erano ancora aperti all'arrivo del comandante della stazione dei carabinieri di Latiano, Massimo Ribezzo, che ha sperato in un miracolo, così come tutti coloro che avevano raggiunto la piccola villetta in contrada Romatizza nella zona industriale di Latiano. La madre presa dalla disperazione ha continuato ad urlare per diversi minuti che il suo figlioletto respirava ancora, e di continuare a massaggiare il suo cuore.

Le indagini sono in mano ai carabinieri di Latiano e della compagnia di San Vito dei Normanni ma sulla dinamica non ci sono dubbi. Una tragica fatalità, hanno stabilito il medico legale ed il pm di turno, Iolanda Daniela Chimienti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento