menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La palazzina in cui è avvenuto il tentato omicidio: foto da La voce del trentino.it

La palazzina in cui è avvenuto il tentato omicidio: foto da La voce del trentino.it

Colf di Brindisi tenta di soffocare anziana dopo il caffè: arrestata

Teodora Marolo confessa davanti al gip dopo essere stata fermata dai carabinieri: “Ho perso la testa per colpa di debiti da gioco”

BRINDISI – Prima il caffè, poi la lite e un cuscino afferrato mentre l’anziana era di spalle, usato per soffocarla: Teodora Marolo, 52 anni di Brindisi, collaboratrice domestica della pensionata di 75 anni è stata arrestata con l’accusa di tentato omicidio, dopo il fermo dei carabinieri di Borgo Valsugana, in provincia di Trento. Ha confessato in carcere, davanti al gip, ammettendo di aver perso la testa per colpa del gioco.

Il tentativo di soffocamento

teodora marolo-2Il paese di quasi settemila abitanti era diventato la sua residenza. Qui Teodora Marolo (nella foto) lavorava come colf, ma sarebbe finita nel vortice del gioco, ritenuto movente alla base del tentativo di uccidere – per soffocamento – la donna per la quale lavorava a casa. L’anziana, nei giorni scorsi, aveva scoperto che mancavano alcuni gioielli custoditi in camera da letto e che c’era anche un ammanco di 700 euro sul conto corrente. Qualcuno aveva prelevato usando la sua carta bancomat. Per questo motivo la 75enne sabato scorso aveva deciso di affrontare la brindisina per chiedere spiegazioni, essendo l’unica ad avere accesso all’appartamento. Messa spalle al muro, Teodora Marolo ha cercato di soffocare la sua datrice di lavoro usando la prima cosa trovata sotto mano. Il cuscino.

La confessione

Almeno questo è quanto la donna ha dichiarato in sede di convalida del fermo davanti al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trento, al quale il pubblico ministero Davide Ognibene ha chiesto l’emissione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

L’indagata resta in carcere a Trento dopo aver affrontato, ieri, l’interrogatorio, alla presenza del suo avvocato di fiducia,  la penalista Angelica Domenichelli. Il legale, nei prossimi giorni, potrebbe chiedere i domiciliari, tenuto conto dell’atteggiamento collaborativo. E’ accusata anche di furto.

Il movente

Stando a quanto emerso nel corso dell’interrogatorio, alla base del tentato omicidio ci sarebbero debiti di gioco contratti dalla colf nel corso degli ultimi mesi. I gioielli sarebbero stati consegnati a un negozio ottenendo denaro contante.

Il cuscino era in salotto, la brindisina lo avrebbe afferrato mentre l’anziana era di spalle. La pensionata è caduta a terra, i soccorritori allertati dai vicini l’hanno portata in ospedale. E’ stata dimessa nella giornata di ieri. Tenuto conto della confessione e delle prove evidenti, il pubblico ministero potrebbe chiedere il giudizio immediato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento