Anziana uccisa in casa: catturato uno degli indagati. Era latitante da marzo

E' finita la latitanza del 30enne Pierpaolo Calella, di Cisternino, accusato insieme ad altre quattro persone di aver ucciso un'anziana di Martina Franca, la 92enne Marianna Brigida, durante una rapina in abitazione perpetrata la notte fra il 6 e il 7 maggio del 2013. Calella è stato bloccato nell'aeroporto di Bari

BARI – E’ finita la latitanza del 30enne Pierpaolo Calella, di Cisternino, accusato insieme ad altre quattro persone di aver ucciso un’anziana di Martina Franca (Taranto), la 92enne Marianna Brigida, durante una rapina in abitazione perpetrata la notte fra il 6 e il 7 maggio del 2013. Calella è stato bloccato presso l'aeroporto di Bari nella serata di martedì, grazie a un’operazione congiunta di polizia e guardia di finanza.

Il cistranese, appena sceso da un volo proveniente da Londra, avrebbe manifestato segni di nervosismo nel corso di un controllo espletato dalle forze dell’ordine in servizio nello scalo aeroportuale. Attraverso una serie di accertamenti, poi, si è appurato che Calella era ricercato dallo scorso 11 marzo, quando il gip del tribunale di Taranto, Giuseppe Tomassino, su richiesta del pm Remo Epifani, emise nei sui confronti un’ordinanza di custodia cautelare per l’omicidio di Marianna Brigida.

Il provvedimento restrittivo venne emesso ed eseguito anche nei confronti di un'altra persona che si ritiene abbia preso parte all’azione delittuosa: il 22enne Mattia Cardone, di Martina Franca. I due rispondono di omicidio e rapina in concorso con Andrea Luprano, Nico D'Aversa e Giuseppe Montanaro, fermati il 28 maggio dello scorso anno e ancora detenuti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul conto di Calella e Cardone vennero raccolti gravi indizi di colpevolezza da parte dei poliziotti del locale commissariato. La loro presenza sul luogo del delitto è emersa infatti dall’acquisizione di elementi tecnici definiti dagli inquirenti “inconfutabili”. La vittima sarebbe stata sorpresa nel sonno e soffocata con un cuscino nel suo appartamento in via Manzoni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi, ospedale Perrino: turista lombardo positivo al Covid-19

  • Furgone si ribalta sull'autostrada: brindisino muore in Veneto

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Giovane malmenata in strada: carabiniere fuori servizio blocca fidanzato violento

  • Ostuni torna a popolarsi di vip, fra cantanti ed ex campioni del mondo

  • Notte movimentata: rissa tra giovani e spari contro un'auto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento