Cronaca

Operatore turistico sotto processo: ascoltati presidente consiglio e vice

Si è svolta stamani una nuova udienza del processo per diffamazione che vede imputato l'imprenditore turistico Antonio Carito, durante la quale sono state ascoltate le parti civili: il presidente del consiglio comunale, Luciano Loiacono, e il vice, il consigliere comunale Pietro Guadalupi. I due hanno illustrato le ragioni del viaggio istituzionale alla "Mitt" di Mosca

BRINDISI – Si è svolta stamani (31 marzo) una nuova udienza del processo per diffamazione che vede imputato l’imprenditore turistico Antonio Carito, durante la quale sono state ascoltate le parti civili: il presidente del consiglio comunale, Luciano Loiacono, e il vice, il consigliere comunale Pietro Guadalupi. 

I due hanno illustrato le ragioni del viaggio istituzionale alla “Mitt” di Mosca avvenuto nel marzo del 2013. Carito, difeso dall’avvocato Giuseppe Tanzarella, Antonio Caritovenne querelato da Loiacono, difeso da Gianvito Lillo, e Guadalupi, difeso da Leonilda Gagliani, per aver scritto sul suo profilo Facebook un post ritenuto offensivo. 

L’affermazione per la quale venne rinviato a giudizio è la seguente: “Apprendo in via informale che i consiglieri sono in missione a Mosca per partecipare al Mitt. Ci si chiede quale sia lo scopo della missione, cosa sono andati a presentare? Quali programmi? Quali iniziative? Se ne potrebbe dedurre che siano in realtà gite scolastiche a spese dei contribuenti. E’ molto triste assistere a tali comportamenti, denotano una totale indifferenza verso quelle azioni di moralità che tutto il Paese invoca e ancora ‘è evidente che la banda della tartina è sempre in agguato”. 

Loiacono, come riferito a BrindisiReport dal suo legale, ha spiegato che nel 2012 andò alla Mitt, importante fiera turistica dei Paesi dell’Est, dopo aver seguito tutto l’iter regolamentare previsto dal Comune e con il massimo del risparmio economico. 

“Lui e Guadalupi – afferma l’avvocato Gianvito Lillo – hanno partecipato a questo evento per stimolare il turismo verso il Salento, in quanto i russi si fermavano a Savelletri”. Prima del rientro a Brindisi, Loiacono ricevette una telefonata con la venne messo al corrente del messaggio postato da Antonio Carito, titolare di un’agenzia di viaggi, sul social network. 

L’udienza conclusiva del processo è stata fissata per il prossimo 3 novembre. In quella circostanza, verrà ascoltato Carito. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operatore turistico sotto processo: ascoltati presidente consiglio e vice

BrindisiReport è in caricamento