Oria. Continuava a minacciare l'ex convivente nonostante il divieto, finisce ai domiciliari

Le ripetute violazioni sono state commesse a Brindisi tra i mesi di giugno e luglio 2019 e consistevano, anche, in minacce sul social network "Facebook" 

ORIA - Continuava a minacciare e ad avvicinarsi all'ex convivente, per questo i carabinieri della stazione di Oria hanno  posto agli arresti domiciliari un 41enne del luogo. L'uomo, infatti, ha più volte violato gli obblighi a cui era sottoposto, ovvero di avvicinarsi alla persona offesa. Le ripetute violazioni sono state commesse a Brindisi tra i mesi di giugno e luglio 2019 e consistevano, tra le altre, in minacce sul social network "Facebook". L’arrestato è stato trasferito presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: altri 76 contagi in Puglia, di cui tre in provincia di Brindisi

  • Focolaio Polignano, salgono a 168 i positivi: 5 sono a Villa Castelli e 2 ad Ostuni

  • Coronavirus: 82 positivi oggi in Puglia, 9 nel Brindisino. Nessun decesso

  • Vandali scatenati: appiccati tre incendi nella scuola materna

  • Covid: altri due contagi nel Brindisino. In Puglia 83 nuovi positivi

  • Torchiarolo perde lo storico panettiere "Tore": una vita dedicata al lavoro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento