menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Ospedale Perrino, frode per le nuove porte scorrevoli”: sequestrate

Sotto inchiesta il dirigente Asl responsabile del procedimento per la fornitura del valore di 25mila euro e il legale rappresentante della ditta appaltatrice: sigilli con facoltà d’uso a otto porte del primo piano

BRINDISI- Venticinquemila euro spesi dalla Asl di Brindisi per otto nuove porte scorrevoli all’ospedale Perrino e il sospetto che ci sia stata una frode in questa fornitura, con necessità di sottoporre a sequestro gli accessi, riconoscendo la facoltà d’uso.

L’ultima inchiesta sull’Azienda sanitaria locale del capoluogo ha visto impegnati i carabinieri del Nas di Taranto che questa mattina hanno eseguito il provvedimento di natura reale, procedendo contestualmente alla notifica degli avvisi di garanzia: sotto inchiesta ci sono il dirigente della Asl che figura come responsabile del procedimento amministrativo relativo all’appalto per la fornitura delle porte e il legale rappresentante della ditta che si è aggiudicata il bando.

Secondo l’ipotesi accusatoria, ci sarebbe più di una ragione di difformità tra quanto previsto nel capitolato e quanto invece effettivamente fornito alla Asl che chiedeva la sostituzione delle vecchie porte scorrevoli per il primo piano dell’ospedale di Brindisi.

Al momento il fascicolo d’inchiesta è stato aperto per frode in pubblica fornitura. Non è escluso che nelle prossime ore gli indagati chiedano di essere ascoltati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento